Tempo di lettura: 3 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di LSKA

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di LSKA

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è LSKA a passare sotto le grinfie della nostra redazione per il nuovo album. Venerdì 2 f

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo dei Mura Adami
“Tra la luna e sta merda” è l’inno al cambiamento di Scianni
Vitto torna con il suo nuovo singolo: è fuori ovunque “Antartide”

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è LSKA a passare sotto le grinfie della nostra redazione per il nuovo album.

Venerdì 2 febbraio 2024 esce per Record Y su tutte le piattaforme digitali “Ephemeral”, il nuovo disco del progetto LSKA già anticipato dal singolo “Solid State Spirit”.

Un album che è nato in un periodo di grande cambiamento e che riflette la ricerca di uno spazio sicuro in cui potersi abbandonare. Tutti i brani sono stati composti in pochissimo tempo, ma sono frutto di riflessioni durate anni sulla ripetizione, l’astrazione e l’inserimento di elementi casuali nel processo di composizione. La scintilla che ha permesso alla macchina di rimettersi in moto è stato l’invito a partecipare esattamente un anno fa alla rassegna di musica sperimentale Deragli presso il Caracol Olol Jackson di Vicenza che non potrò mai ringraziare abbastanza.

Siamo partiti, come sempre, dal suo percorso scolastico.

Questo è un sito dedicato agli studenti, quindi non possiamo che iniziare chiedendoti qualcosa in più sul tuo percorso scolastico. Com’è andata?
Ho sempre avuto la fortuna di andare bene a scuola senza studiare tanto. Questo mi ha dato tempo per dedicarmi alla musica. Ho fatto il liceo classico, poi ho preso la laurea triennale in Scienze Sociologiche, dopodiché ho deciso di non continuare con gli studi per dedicarmi alla musica e lavorare come tecnico del suono. Qualche anno dopo, ho frequentato un corso di specializzazione in produzione musicale alla scuola APM di Saluzzo.

E con lo studio della musica che tipo di rapporto hai? È vera quella cosa che a volte si dice che per fare musica bisogna anche studiarla?
Non credo sia necessario un percorso formale di studi, o che sia obbligatorio conoscere la teoria musicale. Sicuramente se si vuole fare qualcosa di musicalmente interessante bisogna ascoltare tanta musica, cercare di capire come è stata fatta, magari provare a rifarla, e quindi provare e praticare. In un modo o nell’altro, bisogna studiare per fare musica! La musica è un linguaggio e come tale va praticato per potersi esprimere efficacemente.

Che cosa significa “Ephemeral”? E perchè era il titolo perfetto per questo disco e per questo periodo della tua vita?
Il titolo ha a che fare con la transitorietà della musica e in generale di qualsiasi altra percezione. La musica è intrinsecamente legata allo scorrere del tempo, per questo mi piace considerarla una forma d’arte effimera, che non lascia tracce.

La musica strumentale, che non ha testi e parole, può comunque veicolare dei messaggi o delle storie? Quale potrebbe essere la storia di “Ephemeral”?
La musica strumentale può sicuramente raccontare storie e veicolare messaggi. Con questo album, però – e con quello precedente, Void – ho scelto in realtà di non raccontare alcuna storia, ma piuttosto lavorare di astrazione. Mi piacerebbe che chi ascolta la mia musica metta da parte la razionalità per qualche minuto e si concentri su quello che sente a livello fisico ed emotivo.

Da qualche parte leggiamo che ogni tuo brano nasce da un esperimento. Hai voglia di approfondire questo tuo approccio alla composizione?
Uso esclusivamente strumenti digitali per produrre la mia musica, questo mi permette di utilizzare un’ampia gamma di strumenti e soluzioni tecniche. Mi piace inserire in fase di creazione degli algoritmi probabilistici che modifichino i parametri del suono o la riproduzione di determinate note. Questo fa sì che anch’io non possa prevedere il risultato di queste variazioni, portando ogni volta a delle scoperte interessanti.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0