Tempo di lettura: 2 Minuti

Il nostro futuro è in Cina: il 50% di chi va a fare un master lì viene poi assunto

E allora, promosso da Four Stars, nasce 'Master Universitario in International Business in China'. Marketing, social media, amministrazione e consulen

Martina Di Pasquale: intervista ad una business girl “ribelle”
Emoji, l’evoluzione del nuovo linguaggio universale
5 proposte di lavoro che non dovrai lasciarti scappare

E allora, promosso da Four Stars, nasce ‘Master Universitario in International Business in China’. Marketing, social media, amministrazione e consulenza finanziaria sono tra le materie e le competenze più richieste.

La “fuga dei cervelli” (che siamo noi!) pare stia spostando i suoi orizzonti. Se da un lato l’America è e rimane un sogno per moltissimi, anche la Cina si sta ritagliando il suo spazio nell’occhio del ciclone. E questo perchè l’Oriente sembra in grado di darci un lavoro. Stando un rapporto stilato da ‘Four Stars’, un’agenzia leader in Italia nell’universo degli stage e accreditata dal Ministero del Lavoro, il 50% degli studenti che vanno a fare un master in Cina vengono poi assunti in Italia. Tra le competenze e le materie più richieste spiccano marketing, social media, amministrazione e consulenza finanziaria.

Ebbene, se le cose stanno così, ecco che la nascita del ‘Master Universitario in International Business in China’ non sembra affatto casuale. Anzi. L’obiettivo principale è favorire il business tra Italia e Cina dando ai giovani (che siamo sempre noi eh!) ruoli di spiccata responsabilità nel nostro Paese. Il progetto, nasce grazie alla partnership con Università LUM School of Management e in collaborazione con NIBI (‘Nuovo Istituto di Business Internazionale della Camera di Commercio di Milano). Insomma, uno stage in Cina può davvero cambiarti la vita a quanto pare.
La situazione, è perfettamente fotografata dalle parole di Chiara Grosso CEO Four Stars: “FourStars collabora con numerose aziende strutturate e di livello e con aziende italiane con filiali cinesi alla ricerca di candidati di alto profilo, ma i settori principali sono sicuramente Made in Italy, Import/Export, Fashion, Design, Food and Beverage e Consulenza Finanziaria. Tra le aree di inserimento maggiormente richieste ci sono quelle del marketing e della comunicazione, con un focus sulle posizioni legate ai social media, sales, amministrazione e consulenza finanziaria. Per quanto concerne le dimensioni, le aziende sono equamente ripartite tra piccole-medie imprese e aziende strutturate di grandi dimensioni, scelte in base alle aspettative e i desideri del candidato”.
La Cina è lontana, questo è vero. Però #FacceCaso, anche la possibilità di avere un lavoro, restando in Italia, non è poi così vicina.

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0