Tempo di lettura: 3 Minuti

L’Innovation development center di Google nell’Università di Bologna: una nuova frontiera per la ricerca universitaria

L’Innovation development center di Google nell’Università di Bologna: una nuova frontiera per la ricerca universitaria

Bologna si dimostra nuovamente un polo all'avanguardia per la tecnologia. A Bologna nasce il primo laboratorio universitario realizzato con gli strume

Sicurezza nelle scuole: stanziato un miliardo contro i terremoti
Dropper ti dice quanto è affollata la lezione
Bulli? Cinque film per dire no!

Bologna si dimostra nuovamente un polo all’avanguardia per la tecnologia.

A Bologna nasce il primo laboratorio universitario realizzato con gli strumenti Google: un progetto che mira alla realizzazione di nuovi percorsi formativi attraverso l’utilizzo di risorse gratuite e software avanzati messi a disposizione da Injenia, primo partner di Googlein Italia.
“L’utilizzo degli attrezzi potrà riguardare la realizzazione dell’idea di un singolo studente, dopo che questa è stata approvata da un docente. Ma anche ricerche, analisi e sviluppo di applicazioni necessarie per la stesura di una tesi di laurea o per l’esecuzione di un tirocinio formativo”, queste le parole di Baffetti, responsabile di businnes & innovation presso Injenia. “Il vantaggio, per Google e Injenia -ha aggiunto- è quello di entrare in contatto con persone curiose e con gli studenti più intraprendenti con le nuove tecnologie: il modo migliore per reclutare talenti”.

Tuttavia, la realizzazione di ogni singolo progetto rimarrà in proprietà dell’ateneo e dell’autore della ricerca.
Gli strumenti forniti da Google consistono in 4 tipologie di sostegni:
– le Google Apps for education che prevedono la condivisione collaborativa di informazioni e contenuti (tramite posta elettronica, Google drive, Google Docs ecc.);
– le Google Api for work, applicazioni che servono per il geomarketing, misurazione distanze e ottimizzazioni di queste;
– Il Google Search for work, un server che serve per studiare gli algoritmi di ricerca Google all’interno di intranet e indicizzare così archivi di informazioni all’interno dell’Università, facendo affidamento alla potenza di calcolo del motore Google;
-la Google Cloud platform che memorizza dati in cloud e ne analizza i risultati delle ricerche, un sistema che occorre per l’archiviazione di Big Data e lo studio delle migliaia di informazioni in questi contenute.

Un primo studente sta già usufruendo del laboratorio per la realizzazione di una tesi per l’ottimizzazione di un sito di e-commerce.
Il primo passo verso una collaborazione tra Google e le università italiane, alla stregua di quanto già avvenuto per il Mit e Stanford, prende forma nella realizzazione di questo primo laboratorio.
E in contemporanea con l’inaugurazione dell’Innovationdevelopment center a Bologna, la Apple dichiara l’apertura in Italia del primo centro di sviluppo App iOS d’Europa: novità che fanno ben sperare una nuova epoca per la ricerca italiana e per migliaia di talenti.

Di Silvia Noli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0