Tempo di lettura: 3 Minuti

Sei ubriaco? Twitter lo sa e salverà la tua reputazione social

Il cinguettio più popolare al mondo ha avviato una sperimentazione innovativa per comprendere se l’utente stia digitando un post da ubriaco o sobrio.

Troppo studio e poco svago, il mal di testa è un problema per gli adolescenti
Che senso ha diffondere in rete Fake News con l’intento di disinformare?
Sai cos’è il “Travel Bragging”? Una delle maggiori tendenze del 2017

Il cinguettio più popolare al mondo ha avviato una sperimentazione innovativa per comprendere se l’utente stia digitando un post da ubriaco o sobrio.

Di Umberto Scifoni

Scrivere un messaggio su Whatsapp, un post su Facebook o un cinguettio su Twitter da sbronzi, è da anni il modo più semplice per finire nell’imbarazzo più totale e, a volte, avere problemi seri con persone intime.

Non parlo solo di quel messaggio troppo spinto e “sincero” inviato ad una ragazza o, si salvi chi può, una ex; in condizioni da stato d’ebrezza accade anche di scrivere commenti e opinioni alquanto fuori luogo, che una volta pubblicati sui nostri social network, tirano fuori un bel polverone di critica.

A questo proposito, Twitter sembra voler porre un serio rimedio a questo delicato problema: il tutto grazie a un algoritmo sviluppato nell’università di Rochester, New York (da dove partirà la sperimentazione), che riuscirà a comprendere se chi scrive è ubriaco o sobrio. Vi starete chiedendo come sia possibile questo miracolo, beh è il frutto di un lungo studio sui tweet degli utenti nel corso degli anni: è stata compiuta un’analisi su 11mila post tra il 2013 e il 2014, e un magico software è riuscito a fare una distinzione tra quelli scritti da alticci e quali non, riferendosi anche alle zone geolocalizzate dove si trovassero locali o feste.

Grazie a questo lavoro di “spionaggio”, molto presto potremmo salvare la nostra dignità, che si sa, dopo qualche birra non è mai così al sicuro!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0