Tempo di lettura: 1 Minuti

Nuove idee per una Nuova Università

Nuove idee per una Nuova Università

Vi proponiamo la visione della crisi universitaria italiana del professor Viesti. Che le università italiane siano in declino è un ormai un dato di fa

Ma davvero la leva obbligatoria farebbe maturare i giovani?
Giovani poveri di tutto il mondo unitevi!
Dal 2018 il Geoblocking non ci fermerà più

Vi proponiamo la visione della crisi universitaria italiana del professor Viesti.

Che le università italiane siano in declino è un ormai un dato di fatto, l’abbiamo capito. Ancor meglio l ha capito ed analizzato il professor Gianfranco Viesti, professore ordinario di Economia Applicata, che ha di recente pubblicato, con Donzelli editore, l’ “Università in declino”. Nel saggio viene snocciolato il problema dell’istituzione scolastica in declino, per lo più a livello universitario, e mostrato, tramite una serie di dati, numeri e statistiche, come le nostre facoltà siano profondamente dietro alle cugine europee. Di seguito, vi riportiamo i punti salienti che, libro alla mano, potrebbero aiutare questa istituzione a rialzarsi:

1) Un sensibile e progressivo incremento dell’FFO (funds from operations) per l’università, per portarlo nel medio periodo ad avvicinarsi a quello degli altri paesi europei

2) Incremento e mantenimento di una quota base, in grado di coprire integralmente i costi degli atenei, basata sul calcolo di un costo standard per studente significativamente rivisto e su meccanismi di assicurazione della qualità

3) Una radicale revisione dei meccanismi di finanziamenti, comunque aggiuntivi, per le attività di ricerca

4) Lo spostamento in sede nazionale delle politiche per il diritto allo studio, con la definizione di una politica per le borse di studio, e di meccanismi fiscali di incentivo per le locazioni agevolate

5) Una radicale revisione per le politiche di tassazione con norme nazionali che ne assicurino fasce di esenzione, progressività e limiti rispetto al totale del finanziamento degli atenei

6) La progressiva immissione di nuovi docenti e ricercatori, a copertura dei previsti pensionamenti, e con il recupero dei vuoti più rilevanti creatisi negli anni scorsi, con una distribuzione per sedi basata sulle esigenze didattiche

7) Interventi per la promozione di corsi magistrali e di dottorato comuni fra più università, con una equilibrata distribuzione territoriale

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0