Tempo di lettura: 2 Minuti

Vademecum del lavoro su internet: dove e come riuscire a trovarlo

Vademecum del lavoro su internet: dove e come riuscire a trovarlo

Ti sei smarrito nei meandri delle mille richieste di lavoro in rete? Non riesci a crearti un degno profilo o a capire quali siano truffe e quali reali

Il nuovo Facebook Messenger, ossia amor di basket!
Con iOS 12 a scoprire quanto tempo passiamo sull’iPhone
Clitennestra, voi la mia coscienza, io il vostro grido a teatro dal 21 al 24 febbraio

Ti sei smarrito nei meandri delle mille richieste di lavoro in rete? Non riesci a crearti un degno profilo o a capire quali siano truffe e quali reali opportunità di trovare un impiego? No problem, ti aiuta #FacceCaso con una guida pratica sui migliori siti internet.

Di Carolina Saputo

Al giorno d’oggi trovare lavoro per i giovani non è semplice, questo è un dato di fatto; la situazione poi si complica se si inizia a spulciare le varie offerte e annunci sui peggiori siti internet, i quali non fanno altro che creare caos e sconforto. Ti senti perso, confuso, e al punto di partenza dopo ore di ricerche sul pc? Se per caso ti stessi man mano identificando, “don’t worry” la soluzione è semplice: basta leggere questa pratica mini-guida sui migliori siti internet o app che puoi (e devi) usare.

  1. Cominciamo con “Instajobs”, creata appositamente per chi ha poca dimestichezza con il mondo della tecnologia: basta installare questa app infatti per pubblicare il proprio curriculum e gestire gli annunci di lavoro in modo veloce, semplice e, cosa più importante, in qualsiasi momento (provare per credere).
  2. In segno di riconoscenza all’inventore di “TapJobs” non basterebbe il monumento più imponente del mondo: la sua portata è a dir poco rivoluzionaria, basti pensare al fatto che esegue la ricerca del miglior annuncio di lavoro al tuo posto attraverso l’impostazione di una parola chiave o restringendo il campo a regioni e città, e ti da la possibilità, una volta trovato, di spedirlo via mail o conservarlo per un secondo momento.
  3. È verità certa che se non hai un profilo su “LinkedIn”, sito che ha raggiunto i 400 milioni di utenti, vieni guardato con un certo sospetto da chi è già inserito nel mondo del lavoro: questo portale infatti, oltre ad essere presente in circa 200 paesi, ti da l’opportunità di conoscere e creare una fitta rete di contatti che potrebbero servirti per trovare un lavoro, quindi direi niente male.
  4. Concludiamo la panoramica con l’onnipresente “Indeed” che, anche con l’aiuto del gps, ti aiuta a cercare tra le 15 milioni di offerte che possiede.

Se per caso a questo punto avessi le idee più chiare, non esitare: la tua “caccia” inizia da qui.

Di Carolina Saputo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0