Tempo di lettura: 2 Minuti

Video visti, il primato passa a Snapchat: con 10 miliardi al giorno supera Facebook!

Video visti, il primato passa a Snapchat: con 10 miliardi al giorno supera Facebook!

L’app di foto istantanee taglia un grande record, e con 10 miliardi di views al giorno supera perfino il gigante Facebook.Con mezzo miliardo di utenti

Roma Web Fest: al via la sesta edizione
Giornata donne-scienza: si festeggia l’11 febbraio!
iPod Shuffle e Nano: addio

L’app di foto istantanee taglia un grande record, e con 10 miliardi di views al giorno supera perfino il gigante Facebook.Con mezzo miliardo di utenti, continua ad essere il Social più in crescita e amato dai giovani

Non mi stupisce più di tanto questo risultato. Sarà che sono un assiduo utilizzatore anche io, sarà che l’attenzione,aprendo il cellulare, si spinge ormai prima su Snapchat che su altro, ma sta di fatto che ci sono delle valide e oggettive argomentazioni riguardo questa statistica.

Andiamo però con ordine: 10 miliardi di visualizzazioni al giorno, record del web, in tutto il mondo con tutti i filmati,solo per dire nel 2015 erano 4 miliardi, molti più del Social network più sviluppato al mondo. È un risultato importante? Eccome se lo è,soprattutto tenendo conto della differenza di utenti, il primo 1,7 miliardi, il secondo 500 milioni. Ma non è solo questo a rendere significativo il tutto, è il valore stesso di Snapchat, quella sua struttura che tanti sta conquistando; è un’app capace di rendere gli utenti sempre attivi, pronti a condividere video e foto che, dopo 24 ore, i nostri amici non potranno più vedere. È il senso di immediatezza nel social sharing, in un’era che vive per la rapidità, questa crea lo schema perfetto per mostrare qualcosa in pochissimi secondi, di aggiornarsi continuamente, diventando ogni giorno il diario di bordo della quotidianità.

È per questo che sì, Snapchat è il futuro, verso cui guarda a velocità supersonica (come le sue foto), e gli snapchatters lo sanno,sempre più connessi al fantasmino giallo, rispetto a Facebook, che sta spingendo verso una passività dell’utente che non sappiamo ancora dove potrà portare. È vero, sono pur sempre mode, ma il vento ha preso questa direzione, e i dati sanno parlare più di mille opinioni.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 1