Tempo di lettura: 3 Minuti

Per Capaci, “Palermo chiama Italia”

Per Capaci, “Palermo chiama Italia”

Ministro e Università uniti a Palermo per il Protocollo d'Intesa. Si sono ritrovati a Palermo il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ric

Poli universitari europei, l’UE investe per arrivare alle eccellenze
L’Università di Palermo dice sì a Cham, richiedente asilo scappato dal Camerun
Animalisti si scagliano contro il sindaco: a Firenze è polemica per Jan Fabre

Ministro e Università uniti a Palermo per il Protocollo d’Intesa.

Si sono ritrovati a Palermo il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini, il rappresentante della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane Fabrizio Micari e la presidentessa della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone Maria Falcone, per

la firma del Protocollo d’Intesa in occasione del ventiquattresimo anniversario della strage di Capaci all’evento “Palermo chiama Italia”.

Obiettivi di questo protocollo la promozione della cultura della memoria, dell’impegno e della legalità nel mondo accademico possibile grazie ad un Piano triennale di attività di sensibilizzazione e formazione che seguirà le orme della Costituzione Italiana.
A collaborare con questa impresa il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, che assieme al Miur si impegna a garantire una larga diffusione della cultura della legalità sia a livello nazionale sia a livello europeo ed internazionale, oltre a promuovere una formazione e sensibilizzazione presso tutti gli studenti universitari.

La Crui (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) supporterà il coinvolgimento delle istituzioni dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica mentre la fondazione Falcone renderà fruibili strutture e materiali, mettendo in atto inoltre, progetti rivolti al mondo accademico su temi della cultura della legalità e della memoria.

Un comitato paritetico vigilerà sull’attuazione del Protocollo, che durerà tre anni, e sul corretto svolgimento di attività e programmazione.

Di Giulio Rinaldi

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0