Tempo di lettura: 3 Minuti

Microsoft scorpaccione: acquistata Linkedin per 26 miliardi!

Microsoft scorpaccione: acquistata Linkedin per 26 miliardi!

Dopo lo storico colpaccio dell’acquisizione di Nokia, ancora shopping per Bill Gates. Questa volta entra nell’orbita Microsoft entra Linkedin, la più

Ormai si laureano tutti!… e invece no
Netflix cambia sistema d’abbonamento
Un braccialetto per contenersi nello shopping

Dopo lo storico colpaccio dell’acquisizione di Nokia, ancora shopping per Bill Gates. Questa volta entra nell’orbita Microsoft entra Linkedin, la più grande rete sociale lavorativa al mondo.

A Redmond Park, sede fisica della Microsoft, i soldi non sono mai mancati, nonostante la ribalta negli ultimi anni dei più acerrimi concorrenti. Ma una strategia degli acquisti sembra non tramontare mai per l’azienda che ha aperto l’era di internet e dei computer per tutti.

E così dopo che nel 2014 venne annunciato il passaggio nella divisione mobile della ex gloriosa Nokia (operazione che non fu proprio il miglior successo), l’ultima “scorpacciata” ha fatto parlare ancora più di se: oggi è stata annunciata

l’acquisizione di Linkedin, per la modica cifra di 26,2 miliardi di dollari.

Sì, avete capito bene, 26 miliardi per un sito, anche se qualcosa di molto più grande.
In questo clima, il titolo di Linkedin è schizzato in borsa del 47%, a 193 dollari per azione, in più è stato dichiarato che rimarrà indipendente da Microsoft e continuerà ad avere il proprio marchio. Weiner, attuale amministratore delegato, manterrà il suo incarico e riferirà direttamente a Satya Nadella, capo dell’azienda con sede a Redmond.

Pensate che un investimento a cifre del genere non sia spiegabile? Invece è tutto calcolato, perché con questa mossa Microsoft rafforza la sua presenza tra i social network, ricevendo in dote 433 milioni di utenti che usano il social network per trovare lavoro e connettersi con vecchi colleghi, e nell’ultimo anno il numero degli iscritti è cresciuto del 19%.
Nel mondo dei social, le strategie assumono sempre più i contorni di una guerra tattica.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0