Tempo di lettura: 1 Minuti

Audioguide dai giovani per San Casciano

Audioguide dai giovani per San Casciano

Il Comune di San Casciano ha dato voce ai ragazzi per raccontare la cultura e la storia del suo territorio. Quante volte è successo di dire "Che noia

Profumare come gli Egizi, ora si può.
L’Università di Bologna riporta alla luce le tavolette d’argilla di Sargon II
Archeologia: alla scoperta del mondo antico

Il Comune di San Casciano ha dato voce ai ragazzi per raccontare la cultura e la storia del suo territorio.

Quante volte è successo di dire “Che noia questa gita scolastica!” o “Questa guida non ci sa proprio fare!” all’interno di un museo o di una chiesa? Molto spesso, le spiegazioni delle guide turistiche sono lunghe e poco coinvolgenti e causano la carenza di attenzione dei visitatori. Altrettanto spesso accade che alcuni punti di interesse di una qualche città siano sprovvisti di qualsiasi tipo di organizzazione adatta alla comprensione di ciò che si visita.

Una soluzione simpatica e intelligente è stata trovata dal

Comune di San Casciano che, per incentivare il turismo e per avvicinare gli studenti al territorio, ha pensato di far creare le audioguide per chiese e musei direttamente ai ragazzi. Il progetto “Dare voce alla cultura” ha vinto il concorso proposto dal Miur

per l’assegnazione di fondi ministeriali appositi, nella sezione dedicata ai siti di interesse archeologico, storico e culturale. È partito tutto a gennaio di questo anno e

i protagonisti sono stati settanta alunni delle scuole elementari e medie

del Comune di San Casciano che hanno doppiato i testi redatti per i luoghi selezionati. Questi ultimi sono: il museo Giuliano Ghelli, la chiesa di Santa Maria di Prato, la chiesa del Suffragio e il Teatro Niccolini.

Il progetto è stato gestito dal sistema museale Chianti Valdarno, dal comune stesso e dall’istituto comprensivo di San Casciano, rappresentato dal preside Marco Poli. L’assessore alla cultura Chiara Molducci ha affermato: “Il progetto permette agli studenti di acquisire una conoscenza approfondita del territorio e delle sue risorse culturali. Potenzia l’attività di promozione con nuovi strumenti che pensando alla fruizione dei diversamente abili“. Infatti, le audioguide sono un ottimo compromesso per rendere capaci i visitatori ipovedenti di esplorare un sito culturale.

Un’ulteriore collaborazione importante per la realizzazione di tale percorso è stata quella con la coordinatrice del sistema museale Nicoletta Matteuzzi. “Dare voce alla cultura” sarà presentato sabato 18 giugno nell’auditorium di ChiantiBanca; all’introduzione, si aggiungerà l’ascolto delle audioguide dei ragazzi e una visita delle zone selezionate per il progetto. Insieme a tutti gli organizzatori, sarà presente anche il sindaco di San Casciano, Massimiliano Pescini.

Di Giulia Pezzullo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0