Tempo di lettura: 3 Minuti

Ecco la “Lonely Planet” degli studenti sardi a Pisa

Nel sito è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per muoversi al meglio nella città che accompagnerà gli studenti per i loro prossimi 5 a

Paolo Mancarella nuovo rettore dell’Università di Pisa
Normale di Pisa: “A parità di risultati sceglieremo la concorrente donna”
Cambiamento climatico? Ci pensano Normale, Sant’Anna e IUSS

Nel sito è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per muoversi al meglio nella città che accompagnerà gli studenti per i loro prossimi 5 anni di studio.

Di Ludovica Gentili

Sei di Sassari e scegli di studiare a Firenze? Ci pensa

SardiniaPisa.it il progetto sperimentale finanziato dalla Regione Sardegna che mette in risalto tutte le occasioni formative ideate dall’ateneo, per trovare lavoro e per cercare un alloggio che consenta ai nuovi arrivati di insediarsi e proseguire il percorso di studi.

Esiste uno sportello che svolge le stesse funzioni dal vivo per chi preferisse avere un confronto “de visu”. Esiste una parte delle informazioni che verte poi su tutti quegli eventi extra universitari, quali attività ludiche, manifestazioni, concerti per completare il quadro di tutte le attività che i tre atenei pisani offrono agli studenti sardi. Una specie di “Lonely Planet” per i giovani, all’interno della quale è possibile rintracciare tutte le informazioni necessarie per conseguire un cammino di studi in una città che non è la propria, e che aiuta lo studente sin dal principio, offrendo tutte le proposte di affitto di locali disponibili in cui vivere, sino a momento in cui porteranno a compimento il proprio obbiettivo.

Un progetto sperimentale, che si candida però tra quelli che possono risultare i più funzionali da adottare, ideato dall’Associazione Grazia Deledda di Pisa in collaborazione con lo Europe Direct Regione Sardegna e l’importanza di questo sito sta nel fatto che si presta ad essere un’ottima vetrina per la Regione Sardegna. Tutti coloro che intendono dal prossimo anno iscriversi quindi in uno dei tre atenei di Pisa possono iniziare a cliccare sul sito per raccogliere informazioni e senza dubbio non ne rimarranno delusi.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0