Tempo di lettura: 1 Minuti

Se avete meno di 31 anni non potete sapere cosa sta succedendo

L'ultima volta che la temperatura globale è stata inferiore alla media era febbraio 1985. Di Stefano DiFoggia Ancora non siete convinti che la Terra s

La migliore università al mondo non è più americana: fine di un primato
Gli effetti della Digital Transformation: nuove opportunità per i giovani!
Insieme a lezione: la richiesta all’università da parte di uno studente e del suo cane

L’ultima volta che la temperatura globale è stata inferiore alla media era febbraio 1985.

Di Stefano DiFoggia

Ancora non siete convinti che la Terra si stia rapidamente surriscaldando? Basta pensare che se avete meno di 31 anni non c’è stato un solo mese della vostra vita in cui ha fatto più freddo della media.
Michael Mann, climatologo presso la Penn State University, ha spiegato a The Huffington Post Usa che, se continuiamo a riscaldare il pianeta tramite i combustibili fossili, in un certo senso non vi sarà più niente di “normale” o “medio”. “Quello che è considerato insolitamente caldo oggi, sarà considerato medio in futuro. Quello che noi chiameremo ‘caldo’ in futuro, ancora non è mai esistito”.
Mark Eakin, coordinatore del Coral Reef Watch NOAA, alla platea di scienziati che si sono riuniti questa settimana per l’International Coral Reef Symposium a Honolulu, ha detto: “È un mondo completamente diverso quello in cui stiamo vivendo e sta accadendo tutto molto velocemente”.

The National Oceanic and Atmospheric Administration ha recentemente annunciato che maggio 2016 è stato il 13° mese consecutivo più caldo degli anni precedenti. “La temperatura media congiunta su superfici terrestri e oceani globali per maggio 2016 è stata la più alta a maggio su un periodo da record di 137 anni, attestandosi sugli 0,87° al di sopra della media del XX secolo che è di 14,8°, superando il precedente record del 2015 di 0,02°”.
I dati della NASA confermano questa preoccupante tendenza registrando un aumento delle temperature globali di 1,67 gradi Fahrenheit al di sopra della media 1951-1980.

Secondo David Carlson, direttore del programma di ricerca mondiale sul clima, la temperatura del pianeta ad oggi è “motivo di allarme”. Nella sua dichiarazione Carlson ha perlato di alcuni fenomeni che sono la manifestazione di questo trend: “Temperature eccezionalmente alte, ghiacciai che si sciolgono tra marzo e maggio, un fenomeno che si dovrebbe verificare intorno a luglio”.

“L’anormale è la nuova normalità”. Sempre secondo i dati della NASA, solo luglio 1985 ha avuto una temperatura al di sotto della media globale. Questo significa che sono 370 mesi consecutivi di temperature medie o superiori alla media.
Sia la NASA che il NOAA hanno dichiarato che il 2015 è stato l’anno più caldo mai registrato. Il caldo estremo è stato causato sicuramente dal El Niño, ma soprattutto dall’opera dell’uomo.

Il dato preoccupante è che

il 2016 è sulla buona strada per superare questo record.

In realtà, il direttore del Goddard Institute della NASA per gli studi spaziali, Gavin Schmidt, sostiene che accadrà con una probabilità quasi del 100%.
Insomma ad un pianeta in cui le temperature continuano a salire non resta molto tempo. Ma un mondo diverso è possibile. “C’è ancora tempo per agire, per ridurre le emissioni di carbonio, per evitare che il riscaldamento diventi veramente pericoloso per la nostra sopravvivenza”, dice Mann.

Ma bisogna interrogarsi, riflettere ed agire in fretta o sarà sempre più difficile.

Di Stefano DiFoggia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0