Tempo di lettura: 3 Minuti

La strada si prende altri due ragazzi: incidente sull’Aurelia

La strada si prende altri due ragazzi: incidente sull’Aurelia

Questa notte, in un incidente mortale, due giovani vite sono state spezzate. È caccia al pirata della strada. Durante gli afosi giorni estivi, per aff

Sesso e caffè
150 dipendenti per il primo Starbucks italiano!
Una fuori sede a Roma

Questa notte, in un incidente mortale, due giovani vite sono state spezzate. È caccia al pirata della strada.

Durante gli afosi giorni estivi, per affrontare il traffico di Roma molte persone preferiscono usare scooter e moto piuttosto che le automobili; si sente meno caldo, si fa meno traffico e si parcheggiano decisamente più facilmente. Tra i ragazzi, neanche a dirlo, il motorino è il must estivo: pratico, veloce e giovane. C’è chi ci va in spiaggia, c’è chi lo lascia di fronte al solito bar con i soliti amici e c’è chi ci va al lavoro. Molti infatti, in estate, trovano un lavoretto in bar, pub o ristoranti per fare qualche soldino e, magari, andarsene in vacanza.

Matteo Carta e Alessandra Grande, probabilmente, l’avevano pensata così e questa notte stavano tornando da un turno di lavoro in un locale nei pressi di Santa Severa. I due fidanzati, di 25 e 23 anni, erano al bordo di uno Scarabeo, felici di aver terminato una serata faticosa tra cocktail e tramezzini; si trovavano sull’Aurelia sulla corsia giusta, verso Roma. Poi, ad un tratto, la paura e il botto: una Kia Sorento li ha travolti, invadendo la loro corsia e poi andandosi ad incastrare nella siepe.

I due giovani sono stati scaraventati sull’asfalto e non ce l’hanno fatta, sono morti sul colpo. Il conducente della macchina, invece, è scappato a piedi lasciando i ragazzi a terra senza nessun tipo di aiuto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Civitavecchia che hanno iniziato le indagini sul caso, anche basandosi sulla testimonianza di un uomo che ha assistito all’incidente; tuttavia, il testimone non è stato in grado di identificare il colpevole.

Dopo alcune ore, è saltato fuori che la Kia Sorento è di proprietà di un signore che ha affermato di essere rientrato a casa presto la sera prima e di trovarsi a letto al momento dello schianto, ossia alle 2:45 del mattino. Sembra dunque che la macchina sia stata rubata e, successivamente, abbia provocato l’incidente con lo Scarabeo sull’Aurelia. Le forze dell’ordine, in ogni caso, non escludono nessuna pista e, in questo momento, stanno osservando le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza poste vicino al luogo dell’accaduto.

Per ora, l’unica certezza è che due giovani vite sono state interrotte per cause ancora da accertare. Quei ragazzi non erano ubriachi, non erano sotto effetto di stupefacenti, non avevano fumato; tornavano soltanto da una serata di lavoro.

Di Giulia Pezzullo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0