Tempo di lettura: 3 Minuti

Combattere i tumori con l’allenamento

Combattere i tumori con l’allenamento

Vita sana e moto due volte la settimana riducono il rischio del 22%. Come purtroppo si sa il tumore è una delle malattie più diffuse della nostra epoc

Nasce il primissimo corso di Food Engineering in Italia. Scopri dove!
Oggi è la giornata internazionale della gastronomia sostenibile!
Esame di maturità: cosa portare e cosa no

Vita sana e moto due volte la settimana riducono il rischio del 22%.

Come purtroppo si sa il tumore è una delle malattie più diffuse della nostra epoca e, in quanto tale, gli studi, le terapie, le ricerche intorno a questo male sono oramai numerosissime. Nonostante i traguardi raggiunti siano degni di nota, ancora non si è riusciti però a trovare una cura definitiva e ad efficacia totale per questo tipo di malattia. Se la risposta terapeutica non può essere sinonimo di sicurezza, vi sono allora modi per prevenire il tumore o favorire i trattamenti contro esso? Nel caso specifico del tumore al seno sembra di sì: uno studio pubblicato sulla rivista internazionale Cancer Biology & Terapy, condotto dalla Fondazione Pasca di Napoli ed in associazione con la Temple University di Philadelphia, ha rivelato che l’esercizio fisico ed una buona alimentazione promettono benefici terapeutici sorprendenti. Ebbene sì, lo studio non è uno dei soliti cliché sull’alimentazione, ma asserisce che “vivendo” bene aumentino le probabilità di guarigione addirittura del 22% !
Uno dei maggiori scienziati che ha lavorato alla ricerca è Michelino De Laurentiis, direttore della Divisione di Oncologia Medica Senologica della Fondazione Pascale di Napoli. Il professore si è espresso così sull’argomento:

Una metanalisi, cioè un riesame di una serie di studi sull’argomento, che ha coinvolto oltre 120mila donne, ha dimostrato che la pratica fisica costante, pari almeno a due volte la settimana, riduce il rischio di recidiva e/o di mortalità. L’efficacia di questa azione è paragonabile ai benefici di una chemio, di un ormonoterapia o anche di una terapia con i più recenti farmaci biologici”.
Oltre ad aiutare il fisico, conclude il professor De Laurentiis, l’attività fisica “aiuta la psiche. Infatti i benefici dell’attività fisica sono significativi anche per lo stato psicologico, con una diminuzione degli episodi depressivi, ma soprattutto per la conservazione, se non il miglioramento, delle capacità cognitive. E’ cosa ormai saputa, infatti, che alcuni trattamenti, come la chemio o la terapia ormonale, possano impattare su attenzione, memoria e capacità di eloquio”.

Insomma, tenersi in forma risulta sempre più importante al giorno d’oggi, e non solo per mostrare gli addominali al mare.

Di Giulio Rinaldi

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0