Tempo di lettura: 2 Minuti

Estate, tempo di saldi: sì, ma universitari!

Estate, tempo di saldi: sì, ma universitari!

L'Università di Bari che si comporta come un outlet. Insieme ai saldi estivi ecco arrivare un altro tipo di sconto; parliamo di quello dei 51 euro, su

Impronte digitali all’ingresso. L’iniziativa di un preside di Bari
Il flop universitario del 3+2
Bari, in quattro aggrediscono il vicepreside

L’Università di Bari che si comporta come un outlet.

Insieme ai saldi estivi ecco arrivare un altro tipo di sconto;

parliamo di quello dei 51 euro, sulla prima rata delle tasse, per l’immatricolazione all’Università di Bari a chi si iscriverà entro il 15 luglio 2016.

Che l’università abbia deciso di adeguarsi al trend estivo?

L’impoverimento delle casse e la diminuzione degli iscritti, ha costretto l’ateneo a ricorrere a metodi “alternativi” ed economicamente accattivanti per accaparrarsi le immatricolazioni e permettere l’entrata, conseguentemente, dei finanziamenti ministeriali. Portavoce dell’iniziativa lo stesso Rettore, che ha definito il progetto “una mossa utile e necessaria” al fine di risollevare le sorti dell’università e, che ha inoltre confermato la voce riguardante l’abolizione del numero chiuso per tre corsi di laurea, dal momento che, oramai da parecchio tempo, gli iscritti risultavano in minor numero rispetto ai posti disponibili.

Ma c’è qualcuno a cui l’iniziativa non sembra essere andata giù, e parliamo proprio degli stessi studenti. Le critiche alzate sottolineano l’inadeguatezza della nuova procedura, che prevede uno sconto senza distinzione fra redditi e, la paura che questa novità crei più che una marcia in più, un ulteriore freno per la reputazione dell’ateneo, giocando non sulla sua offerta formativa ma bensì sul risparmio facendo scadere l’operazione in un triste “fuori tutto culturale”.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0