Tempo di lettura: 3 Minuti

L’appello dell’Amsi per la Puglia: “Doniamo il sangue e salviamo i feriti”

Queste le parole del Presidente dell’associazione dei Medici di origine straniera Foad Aodi, rivolte a tutti i medici, le Associazioni straniere, le C

Ragazza rasata a zero perché senza velo: questa è integrazione?
Sono stata al Bishwa Ijtema, il secondo più grande festival musulmano del mondo
Parma, nasce la prima sala per studenti musulmani in un’università italiana

Queste le parole del Presidente dell’associazione dei Medici di origine straniera Foad Aodi, rivolte a tutti i medici, le Associazioni straniere, le Comunità, arabe e musulmane

Dopo la terribile tragedia avvenuta in Puglia, nel territorio di Andria per lo scontro dei due treni delle vie line delle Ferrovie del Nord Barese, è già stato allestito, stando alle ultime notizie, un ospedale di campo, ed i feriti più gravi già trasportati negli ospedali limitrofi di Bisceglie, Barletta e Andria. Le stime ancora provvisorie contano oramai 50 feriti e 27 vittime, ma i controlli sono ancora in atto.

“Invitiamo tutti i medici italiani, stranieri, tutte le Associazioni e le Comunità arabe, musulmane e di origine straniera che fanno riferimento ai nostri Movimenti a dare il loro contributo per salvare i sopravvissuti dello scontro tra i treni in Puglia. Queste sono ore salvavita. Ci sono code ai centri trasfusionali; servono donazioni di sangue e personale medico, infermieristico per assistere i feriti.”

Ha proseguito Foad Aodi, concludendo infine con un pensiero rivolto alla famiglia delle vittime:
“Abbracciamo tutti i familiari delle vittime, dei feriti e tutto il popolo pugliese per questa tragedia che tocca tutta l’Italia e che è molto sentita anche nei nostri Paesi di Origine”.

Non ci resta che unirci in questo abbraccio di profonda solidarietà.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 1