Tempo di lettura: 1 Minuti

All’Università D’Annunzio tutti ammessi per un “disguido”

All’Università D’Annunzio tutti ammessi per un “disguido”

Grazie ad un'anomalia nella correzione dei compiti tutti i candidati hanno superato la prima prova. Di Stefano Di Foggia Tutti i candidati che hanno s

Storia di un’arma di distruzione di massa: l’ esame di maturità
Il TAR ha deciso: prova di ingresso all’Università solo per chi si iscrive al primo anno
I 100 e lode del sud VS i campioni del nord

Grazie ad un’anomalia nella correzione dei compiti tutti i candidati hanno superato la prima prova.

Di Stefano Di Foggia

Tutti i candidati che hanno sostenuto gli esami di stato di Psicologia nella sessione estiva all’Università d’Annunzio di Chieti sono stati ammessi alla prova successiva. Tutti bravi? Forse no, ma fortunati di sicuro:

per una distrazione di chi ha organizzato l’esame sono riusciti a passare anche i candidati con punteggi non sufficienti.

Carmine Di Ilio, il rettore, ha spiegato: “Sappiamo che c’è stato un disguido e per questo motivo ho ritenuto che la cosa migliore da fare fosse quella di rimettere la questione nelle mani del nostro ufficio legale affinché l’esame potesse andare avanti al riparo da qualsiasi tipo di problema”.
L’ufficio legale ha riscontrato delle anomalie nello svolgimento e ha deciso di ammettere tutti alla seconda prova, sia gli idonei che i non idonei.

Nulla è ancora definitivo ma intanto si va avanti. I candidati non idonei sono stati ammessi con riserva affinché l’ufficio legale possa valutare il reale peso dell’anomalia. L’università ha fatto sapere di un “disguido” senza però specificare cosa è effettivamente accaduto. Stando a quanto trapelato il problema dovrebbe riguardare la busta contenente i nomi, che sarebbe arrivata aperta a destinazione.

Così dopo le proteste di qualche studente e le minacce di possibili ricorsi, l’università ha deciso di ammettere tutti.

Di Stefano Di Foggia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0