Tempo di lettura: 1 Minuti

Lato B e Instagram

Lato B e Instagram

La moda dell'estate sembra consistere nel caricare quante più foto possibili del proprio lato B, magari con un bel panorama dietro: come sempre, promo

Pari opportunità: in Sardegna arriva il premio per le tesi!
Men vs Women, la situazione disastrosa della Toscana
I libri che viaggiatori e viaggiatrici dovrebbero leggere per preparare i prossimi viaggi!

La moda dell’estate sembra consistere nel caricare quante più foto possibili del proprio lato B, magari con un bel panorama dietro: come sempre, promotore di tendenze simili, è lo show system!

Se lo definissimo “culo chiacchierato” faremmo una pessima figura e non staremmo altro che diffondendo l’ennesima oscenità sessista: però non sarebbe tanto sbagliato nel caso il discorso riguardasse Kim Kardashian.
Noi quindi siamo nel giusto, perché è esattamente quello che stiamo facendo e non credo si offenderà.

La nota star americana ha reso virale questa moda di fotografarsi il lato B: poco importa se c’è chi giura che il suo non sia del tutto “nature”, l’importante è che se ne parli. Il discorso deve essersi aperto anche a cena, perché dopo Kim anche la sorella, Emily Ratajlowski, ha cominciato a fare lo stesso su Instagram, collezionando infiniti cuori da tutto il mondo.
La moda riguarda quindi principalmente quel tipo di famosi “senza arte, ne parte”, divenuti tali in seguito al nulla, e che pertanto si vedono costretti a far parlare di sé a tutti i costi.

Niente è dato per scontato, per nessuno: anche le celebrities, per vantare il giusto numero di like, devono sottoporsi a dei canoni ben precisi.
Se un tempo la bellezza era la Venere di Milo, oggi obesa indiscussa, dai fianchi larghi e cosce troppo prosperose, l’idea odierna di una bella donna è innanzitutto magra, e visto che si parla di culi (se si può dire) devono essere piccoli, sodi e alti.
Modelle a parte, l’universo femminile tutto si è sentito sollevato dal fatto che ultimamente, almeno l’idea della “super gnocca”, abbia preso qualche chilo: ma non basta, perché requisiti simili rilegano nel dimenticatoio l’80% delle donne italiane.
Un paio di verità galleggiano nel Mediterraneo: l’ottima cucina e che le ossa non hanno mai scaldato nessuna notte.

Tuttavia le rotondità mediterranee vengono salvate in calcio d’angolo dal fatto che, senza alcun dubbio, i lati B più famosi al mondo sono abbondanti: si pensi che la famosa cantante Nicki Minaj si è rivolta al chirurgo plastico per avere un sedere molto più pieno.
Kim Kardashian, citata prima, si è sentita più tranquilla nel fissare una polizza sul suo di dietro pari a 15 milioni di euro.
Se parliamo di culi e assicurazioni però, come dimostrano i periti, la regina indiscussa è Jlo e il suo sedere non certo piccolo: la bella Jennifer Lopez ha ricevuto l’onorificenza più alta, con i suoi 27 milioni di dollari.

Vi ricordate però quando andava di moda il seno enorme? Oggi è stato letteralmente soppiantato dal sedere.
È corretta quella teoria per cui “il culo mette d’accordo tutti”: in un mondo sempre più aperto a livello sessuale è ovvio che donne e uomini, etero e non, riconoscano di comune accordo proprio nel sedere un elemento erotico valido per tutti.

Nessuno ha inventato nulla e il sedere è oggetto di culto da sempre: oggi però, come molte altre parti del corpo, è finito in una spirale di narcisismo malato.
È bene mostrare ciò che si ha di bello, se si è nella condizione fisica e soprattutto se è una nostra necessità, ma la vera domanda è “perché?”, “ti piaci così tanto se hai bisogno di cuori e pollici in su?”.
Donne di tutto il mondo, impariamo prima ad amarci noi stesse, che poi i complimenti, se meritati, arrivano senza sbattere niente in faccia a nessuno.

Di Irene Tinero

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0