Tempo di lettura: 1 Minuti

63mila iscritti, 9mila posti: domani al via il test di Medicina

63mila iscritti, 9mila posti: domani al via il test di Medicina

Domani si decidrà il futuro di 63mila studenti con il sogno di esercitare la professione medica. #FacceCaso. 63mila iscritti, 9mila posti. Numeri che

Sono online i risultati dei test di medicina in forma anonima
Italia “number one” per il sistema universitario
Piemonte da urlo: è suo il primato per le scuole aperte d’estate

Domani si decidrà il futuro di 63mila studenti con il sogno di esercitare la professione medica. #FacceCaso.

63mila iscritti, 9mila posti. Numeri che già da soli fanno paura. Domani è il grande giorno per tutti coloro che tenteranno il test di Medicina e l’ansia comincia a farsi sentire. Mercoledì sarà invece la volta di veterinaria e il giorno seguente di architettura ed ingegneria edile.

Non è una novità che l’Unione degli universitari, abbia presentato vari ricorsi contro il blocco delle graduatorie, accolti da numeri atenei tra cui Università degli studi di Firenze, Siena, Molise, Foggia, Cagliari, Sassari, Messina e Milano. Nel frattempo però, sono moltissimo gli studenti che hanno abbandonato gli studi o hanno scelto di iscriversi in un’altra facoltà. “Chiediamo al ministero di rivedere la chiusura anticipata delle graduatorie – spiega Elisa Marchetti, coordinatrice dell’Udu – è necessario non solo superare il numero chiuso ma anche investire in programmi di orientamento nelle scuole superiori, per permettere agli studenti di fare una scelta consapevole: bisogna pensare a scuola e università come due percorsi distinti bensì in continuità”.

Nonostante ciò, posti ridotti di 306 unità rispetto allo scorso anno contro i 2.056 iscritti in più. Solo il 15% degli aspiranti medici, otterrà un banco, gli altri dovranno tentare il prossimo anno. Un’assurdità considerando che lo scorso anno, a causa del meccanismo dello scorrimento delle graduatorie, sono rimasti scoperti ben 1000 posti, 700 solo a medicina.

Quando uno studente si iscrive al test nazionale, deve indicare le preferenze delle università che vorrebbe frequentare. Dopo due settimane, il 20 settembre, i candidati potranno conoscere il punteggio ottenuto tramite una prima pubblicazione online. Solo il 4 ottobre si potrà consultare la graduatoria nazionale. Ci sarà chi potrà iscriversi direttamente nell’ateneo indicato come prima scelta e chi invece, nelle università indicate come seconda. Il primo scorrimento avverà l’11 ottobre e il secondo la settimana successiva. Quest’anno è già prevista sul bando la chiusura alla fine del semestre, anche perchè la didattica è ormai avviata. Le regole ormai le sapete, a noi non resta che augurare un mega in bocca al lupo a tutti coloro che domani proveranno il test. Forza ragazzi! #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0