Tempo di lettura: 3 Minuti

A 20 anni Vittorio pilota della Ryanair

A 20 anni Vittorio pilota della Ryanair

Preso da una passione portata avanti fin dalla terza media, dopo aver conseguito il brevetto di volo americano è arrivata la chiamata della compagnia

È italiano il ragazzo con il pacemaker più piccolo al mondo
Un tocco d’estate a Bergamo: aperte le iscrizioni per la ‘Scuola estiva in ospedale’
Giovani attivi per la legalità

Preso da una passione portata avanti fin dalla terza media, dopo aver conseguito il brevetto di volo americano è arrivata la chiamata della compagnia irlandese.

Quella storia dei sogni che diventano realtà non vale solo per la pubblicità di Immobildream, ma anche per alcuni giovani carichi di speranze e spirito di intraprendenza.

È il caso di Vittorio Lupi, ragazzo della provincia lombarda di Pavia, che a soli 20 anni sarà uno dei più giovani piloti della compagnia low cost Ryanair. Non pensate però che sia un caso o un colpo di fortuna, perché se una domenica di settembre è arrivata la chiamata per metterlo al comando di un Boeing 737, il merito è tutto suo.

Infatti Vittorio fin dai 13 anni ha avuto la passione per l’aviazione, osservando i cieli e ciò che fluttuava, così, dopo aver svolto il primo test attitudinale, a 16 anni inizia il corso per il brevetto, a 17 il “gavettone” sulla pista di atterraggio e anche il battesimo dell’aria. Se fino a quel momento si era potuto cimentare con un biposto Tecnam P92JS, il vero salto di qualità arriva a 18 anni, quando con grandi sacrifici personali ed economici prosegue prima gli studi a Bergamo e poi ad Arlington in Texas, dove consegue la licenza per il trasporto passeggeri e migliora il suo inglese. Convertire il brevetto americano e passare l’esame in madre patria è stato l’ultimo passo, perché dal 26 Maggio è diventato un pilota a tutti gli effetti, e la proposta di lavoro della Ryanair si rivela il degno coronamento degli sforzi personali.

In bocca al lupo Vittorio!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0