Tempo di lettura: 2 Minuti

La Scuola del futuro è alle porte

Le nuove tecnologie miglioreranno del 30% l’apprendimento dei ragazzi. E se vi dicessero di immaginarvi la Scuola del futuro? Simulatori di realtà vir

Microplastiche e altre micronotizie al TG USA 2.0
Nasce l’inno dei medici italiani: e il testo è di Mogol
Diritto all’Istruzione anche in ospedale: a Bologna un sistema collaudato

Le nuove tecnologie miglioreranno del 30% l’apprendimento dei ragazzi.

E se vi dicessero di immaginarvi la Scuola del futuro?
Simulatori di realtà virtuale, occhiali per la realtà aumentata, app riprese da famosi videogame. Vi sembra un’assurdità? Eppure qualche volta l’impossibile diventa realtà.
Già sperimentati all’interno di numerose aziende, queste preziose e nuove tecnologie stanno finalmente facendo il loro ingresso nel mondo della Scuola. Promotori di questa iniziativa, gli esperti dell’Arcadia Consulting, un’affermata società, sempre più convinti di come l’utilizzo di questi dispositivi possa giovare all’apprendimento didattico dei ragazzi, alzando la soglia del 30% in più rispetto ai vecchi metodi tradizionali:

“L’adozione di queste nuove tecnologie potrebbe avere un impatto enorme sulla qualità dell’apprendimento. Diverse ricerche hanno infatti dimostrato che si ha un miglioramento anche del 30% rispetto alle tecniche di insegnamento tradizionali”.

Grazie a tecniche di nuovissima generazione sarà possibile accedere a link, video, materiali interattivi e una serie infinita di informazioni che lo studente sarà libero di consultare.

“Ci sono anche gli e-text book, supporti digitali per tablet che permettono di seguire un percorso formativo personalizzato, a seconda che lo studente preferisca leggere, vedere video o seguire lezioni. E poi la realtà virtuale, che con l’uso di un visore permette di vivere le situazioni in prima persona: noi ad esempio la usiamo per fare le prove di evacuazione anti-incendio, e il coinvolgimento è tale da velocizzare il processo di apprendimento”.

Sono parole cariche di aspettative quelle di Silvia Stancherlin, assistente di direzione Arcadia, parole che aprono una finestra su ciò che sarà la Scuola del domani.
L’epoca in cui tutto questo era solo una fantasia sembra oramai tramontata, ed un’altra più nuova e su misura dello studente sta già bussando alle nostre porte.

Di Laura Messedaglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0