Tempo di lettura: 3 Minuti

Giovani senza speranza. La triste situazione italiana

Giovani senza speranza. La triste situazione italiana

Dati preoccupanti da una ricerca della Fondazione Leone Moressa, Italia #malemale. Quando avevo 13 anni tutti dicevano che i giovani non avevano più s

Le cose che abbiamo in comune: la disoccupazione
Il flop universitario del 3+2
In Kuwait per insegnare architettura: le parole di chi non tornerebbe mai in Italia

Dati preoccupanti da una ricerca della Fondazione Leone Moressa, Italia #malemale.

Quando avevo 13 anni tutti dicevano che i giovani non avevano più speranza, che non si trovava lavoro e che la laurea non garantiva più quel posto di lavoro a cui tanto aspiravano i nostri genitori; e speravo che quando io mi fossi trovata ad essere al posto di quei giovani le cose sarebbero cambiate.

E invece no. Stando alla nuova ricerca della Fondazione Leone Moressa la situazione in Italia sta peggiorando visibilmente di anno in anno. Intanto i giovani sembrano essere completamente senza fiducia, senza speranza ma anche senza un lavoro che non sia a tempo determinato o a chiamata.

Ancora più preoccupante è il dato secondo cui gli stranieri laureati sono il 13% mentre gli autoctoni si stabilizzano intorno al 35%. Insomma, nel nostro paese il divario tra stranieri e non, è grande e sempre in crescendo. Di conseguenza i tassi di disoccupazione sono preoccupanti, dato che al primo e secondo posto ci sono Grecia e Spagna mentre al terzo ci siamo noi.

La ricerca conferma, inoltre, quello che si dice dei ragazzi italiani: sono mammoni! Sicuramente abbiamo questa indole, ma i contratti a tempo determinato e quelli a chiamata non permettono di andare a vivere lontano da mammà; per cui l’età media di chi va via di casa si aggira sui 30 anni.

C’è qualcosa da cambiare qui, non trovate?

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0