Tempo di lettura: 1 Minuti

Le scuole senza supplenti

Le scuole senza supplenti

Manca il 20% dei professori, e anche le supplenze scarseggiano. Situazione critica a Genova, dove sono stati chiamati persino insegnanti senza laurea.

Palermo, negare la Shoah…ma come se fa?
Ricerca in rosa: tre scienziate per l’orgoglio fiorentino!
Sbagliando si impara, ecco la Top 5 degli errori costruttivi

Manca il 20% dei professori, e anche le supplenze scarseggiano. Situazione critica a Genova, dove sono stati chiamati persino insegnanti senza laurea.

Elementari, medie e licei senza docenze, è questa la situazione precaria che sta colpendo molti istituti del nostro paese. A Genova, con un’insegnante assente fino a Gennaio per malattia, non si trova la sostituzione, e la preside delle elementari di Voltri, Maria Rosa Merolla, così commenta: “La situazione è drammatica, non so cosa fare, temo che alla fine dovremo scegliere un supplente non ancora laureato perché di supplenti laureati non ce ne sono”.

Tra le tante novità della buona scuola emergono quindi le solite carenze, che sanno molto di “vecchia scuola”, tanto che in certi casi si è cominciato a chiamare neo laureati senza esperienza o insegnanti privi di titoli o requisiti anagrafici. Una situazione quindi al limite, in una scuola sempre più precaria, ma che paradossalmente non riesce a trovare neanche i supplenti, storicamente gli eterni precari del mondo del lavoro italiano.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0