Tempo di lettura: 1 Minuti

Piemonte e istruzione: arrivano i soldi direttamente dalla regione

Piemonte e istruzione: arrivano i soldi direttamente dalla regione

Assegni studio per sostenere le spese della scuola: la nuova idea per aiutare le famiglie. Nord Italia, precisamente Piemonte. Da qui parte l’iniziati

Bonus mobili: novità legge di stabilità 2016
A Bologna è rivolta: no al bonus docenti
Università di Foggia, un milione in più dal MIUR rispetto all’anno scorso

Assegni studio per sostenere le spese della scuola: la nuova idea per aiutare le famiglie.

Nord Italia, precisamente Piemonte. Da qui parte l’iniziativa regionale dei voucher per la scuola. Di cosa si tratta? Scopriamolo insieme.

Tutte le famiglie con un ISEE inferiore ai 26.000 euro o gli studenti maggiorenni, dal 15 Dicembre 2016 al 15 Gennaio 2017 potranno iscriversi al bando regionale per l’erogazione di un contributo per gli studi. Potranno quindi far richiesta di un voucher (il cui valore varia a seconda delle fasce di reddito) per affrontare le principali spese riguardanti l’istruzione.

Parliamo di due bonus diversi, uno per l’iscrizione e la frequenza spendibile in tutte le scuole del territorio sia paritarie che statali e uno per l’acquisto di libri di testo, materiali tecnologici di supporto allo studio o trasporti. E non solo, i contributi che vanno da un minimo di 950€ ad un massimo di 2150€ nel primo caso e da 220€ ad un massimo di 620€ nel secondo, aumentano se i ragazzi che ne beneficiano sono portatori di handicap o hanno un deficit nell’apprendimento.

A breve verranno pubblicate le graduatorie per chi riceverà il buono per gli anni 2014/2015 e 2016/2017 e insieme a loro gli elenchi degli enti che aderiscono all’iniziativa.

Un bel passo avanti, non trovate?

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0