Tempo di lettura: 2 Minuti

La classe capovolta

La classe capovolta

Vi spieghiamo questo rivoluzionario metodo d'insegnamento. Nel 2007 due docenti di chimica Jonathan Bergmann e Aaron Sams iniziano a videoregistrare l

Copiare a scuola: per gli italiani nulla di troppo grave, ce lo conferma l’Istat
Comunicazione insegnanti-alunni: le strategie più efficaci
Let’s study legge!

Vi spieghiamo questo rivoluzionario metodo d’insegnamento.

Nel 2007 due docenti di chimica Jonathan Bergmann e Aaron Sams iniziano a videoregistrare le loro lezioni di chimica e in seguito le hanno caricate su YouTube per farle vedere ai loro alunni e hanno provato poi a fare delle esercitazioni su quello che avevano spiegato risultato.

A quanto pare, molti ragazzi sono rimasti entusiasti di questo lavoro. Improvvisamente Aaron ha una intuizione: “perché non registrare tutte le lezioni in anticipo e farle vedere agli alunni come compito a casa per poi fargli svolgere in classe gli esercizi in modo da soddisfare ogni loro dubbio?”

Così nasce la classe capovolta. In questo scenario

il professore ha il compito di preparare un video della lezione e condividerlo magari sul suo sito o magari su youtube e poi preparerà degli esercizi da far svolgere ai suoi studenti in classe, passando per i banchi e risolvendo ogni dubbio che dovesse sorgere nel momento in cui lo studente va ad applicare ciò che ha imparato.

Questo modo di insegnare è stato già “testato” su alcune classi e la risposta degli studenti è stata molto positiva: hanno trovato questo modo di insegnare molto più dinamico ed efficiente, anche i professori si sono trovati bene e pensano possa funzionare.

Quindi non ci resta aspettare che questo metodo di studio venga introdotto nelle scuole italiane per valutarlo di persona.

Di Federico Quadrino

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0