Tempo di lettura: 2 Minuti

Anonymous contro l’alternanza scuola-lavoro

Anonymous contro l’alternanza scuola-lavoro

Gli hacker violano e pubblicano in rete 26 mila indirizzi di posta di professori italiani per protestare contro la tanto discussa alternanza scuola-la

Università telematica Pegaso ottiene grande successo
Digitalizzazione nelle scuole: pro o contro?
A Ostiglia l’Alternanza Scuola-Lavoro porta tutti al…luna park

Gli hacker violano e pubblicano in rete 26 mila indirizzi di posta di professori italiani per protestare contro la tanto discussa alternanza scuola-lavoro.

E’ recente la notizia dell’ennesimo attacco hacker da parte degli Anonymous italiani, più in particolare degli attivisti che si presentano con la sigla Lulzsec Italia, scelta per sottolineare il lato ironico e provocatorio delle loro azioni (infatti Lulz, più comunemente Lol, significa laughing out loud) associandolo alla parola security.

I famosi hacker hanno pubblicato online circa 26 mila indirizzi di posta con annessa password (ed in molti casi anche numero di telefono e accessi a siti web gestiti con WordPress) di insegnanti di liceo e personale amministrativo in contatto col Miur per conto di varie università, tra cui Bocconi, Roma 3, Luiss, Università della Calabria ed altre.

Il messaggio degli Anonymous, comparso su Twitter, sarebbe indirizzato alla ministra dell’istruzione Valeria Fedeli ed il fine sarebbe quello di denunciare l’alternanza scuola-lavoro che nasce con lo scopo di far conoscere ai ragazzi il mondo lavorativo, ma che viene definita dagli hacker come un impiego non retribuito, uno sfruttamento degli studenti italiani che va unicamente a favore dello Stato.

Il Miur ha però rassicurato i professori in quanto dei 26 mila indirizzi violati solamente 1598 risulterebbero attivi e non si tratterebbe della pubblicazione di vere password, ma di hash, ossia derivati delle password attraverso operazioni matematiche. Inoltre il Miur invierà nuove password a tutti gli indirizzi coinvolti.

#FacceCaso

Di Viviana Lazzeri

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0