Buona Scuola e labirinticità burocratica: è record di cause

28 cause al giorno. I numeri parlano chiaro, c’è qualcosa che non va. #FacceCaso. Nel 2016, sono stati settemila e duecentosei i ricorsi presentati co

“Vero o Falso”, Quality News e la crociata anti-fake news
Together Price: la piattaforma per condividere gli abbonamenti in streaming
Scimmie clonate in Cina: dal problema scientifico a quello etico

28 cause al giorno. I numeri parlano chiaro, c’è qualcosa che non va. #FacceCaso.

Nel 2016, sono stati settemila e duecentosei i ricorsi presentati contro il Miur, di cui 1.340 contro la Buona Scuola. Dal 2012 ad oggi non si è fatto che peggiorare e lo scorso anno si è toccato il tetto record di 28 cause al giorno.

Michele Gramazio, presidente dell’associazione dei presidi pugliesi ed ingegnere elettronico, dice di “essere diventato una sorta di esperto legale, per forza”. Ultimamente si è difeso da solo per ben tre volte, gli uffici scolastici regionali sono troppo occupati per prendere in considerazione le ‘cause di poco conto’. “Io ce l’ho fatta, però di solito l’amministrazione soccombe. E molti miei colleghi sono in difficoltà” ha raccontato Gramazio.

Possiamo dividere le vertenze contro il Miur in quattro grandi macroaree:
“Concorsi e graduatorie che riguardano gli insegnanti” 4.043 cause nel 2016
“Promozione alunni” solo 308
“Processi per la responsabilità civile di infortuni accaduti agli studenti” 1.515 contro i 1.715 del 2012
“Buona Scuola” con oltre 1.300 cause

I numeri parlano chiaro, c’è qualcosa che non va. Sarà forse il caso di rivedere la labirinticità burocratica della Buona Scuola? #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0