Tempo di lettura: 2 Minuti

Altro che Google: dall’Europa Qwant, il motore di ricerca che difende la privacy

Arriva anche in Italia il dominio nato in Francia, e che si presenta come la risposta Europea al colosso americano. Quali vantaggi? Maggiore privacy n

È uscito in Italia il film Emoji
In Puglia c’è ancora chi aspetta la borsa di studio
Nasce Real Time Scouting, l’app per monitorare le tue partite di basket

Arriva anche in Italia il dominio nato in Francia, e che si presenta come la risposta Europea al colosso americano. Quali vantaggi? Maggiore privacy nella navigazione per cominciare.

Un azzardo o la scommessa più vincente per il futuro prossimo? È questo che si chiedono gli esperti di comunicazione e mondo del web in merito a Qwant, la Google francese appena arrivata in Italia, che ha deciso di rinunciare al trattamento dei dati personali, oro nel campo di internet anche per quanto riguarda i profitti.

Tutto ciò, rispetto al metodo che utilizziamo da sempre per navigare, porta a una rinuncia di schede dettagliate su viaggi, ristoranti, regali consigliati e tutto quel materiale che ci fa comodo mentre facciamo le nostre ricerche e che si produce dall’incrocio dei dati di tutti i navigatori affini. Senza ciò tanti aspetti non si possono curare, ma da questa novità non sembrano curarsene, perché “il motore di ricerca che rispetta la tua privacy” ( così appare cercandolo ) ha deciso di non tracciare gli utenti che navigano in esso, per la gioia di tutti quelli che si sentono vulnerabili nell’utilizzo quotidiano di internet.
Ha esordito il 4 luglio in Germania e Francia, adesso anche da noi, dato il piano di raggiungere i 50 miliardi di click entro il 2021 e l’investimento fresco fresco di altri 18 milioni di euro.

Se vi interessa utilizzarlo, ecco le parole dell’amministratore delegato, Alberto Chalon: “Qwant protegge e rispetta la privacy e la vita dei propri utenti secondo le normative europee. È un valore di cui gli utenti stanno prendendo consapevolezza. Il nostro secondo valore fondamentale è la neutralità nel nostro algoritmo di ricerca naturale, ovvero noi per fini economici non andiamo ad alterare la posizione nei risultati di ricerca”.

Se siete d’accordo con lui, perché non correre a provarlo? Tanto Faccecaso potrete cercarlo anche lì!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0