Tempo di lettura: 3 Minuti

Un nuovo bando per le scuole!

Un nuovo bando per le scuole!

180 milioni da investire nelle scuole per il miglioramento delle competenze di base degli studenti di tutte le età. Il bando per partecipare è aperto

Bando Ministero Istruzione: 50 milioni per promuovere integrazione e accoglienza
Ragazzi disabili senza assistenza
Isola del Cinema, arriva a Roma il contest per i giovany

180 milioni da investire nelle scuole per il miglioramento delle competenze di base degli studenti di tutte le età. Il bando per partecipare è aperto già da qualche giorno.

La ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha indetto un bando, aperto dalle 10.00 del 28 febbraio alle 15,00 del 28 aprile, che finanzi progetti nuovi e rafforzi le competenze di base.

Sono stati infatti stanziati 180 milioni di euro da investire per una scuola che migliori l’italiano, la matematica, le scienze e le lingue straniere. Importante all’interno di questo nuovo percorso offerto alle scuole sarà saranno la multimedialità e le attività di vari laboratori (soprattutto per quanto riguarda la scuola primaria).

L’obiettivo è quello di formare dei ragazzi sempre più abili e competenti, combattendo allo stesso tempo la dispersione scolastica.
I criteri di scelta che verranno utilizzati per selezionare le scuole vincitrici saranno tre.

  1. Il primo fa riferimento al contesto in cui si trova la scuola, per supportare anche quei territori che hanno più bisogno di aiuto.
  2. Il secondo riguarda ovviamente la qualità dei progetti che vengono proposti, mentre
  3. il terzo criterio è stato chiamato dalla ministra stessa “valore di comunità”, che consiste nell’attitudine di riuscire a coinvolgere i ragazzi, i genitori e gli enti locali nelle varie attività della scuola, creando appunto una sorta di comunità.

Le attività dei vari progetti non saranno svolte durante l’orario delle lezioni, ma andranno comunque di pari passo con la didattica svolta in classe.

Insomma, se vuoi che la tua scuola partecipi a questo bando, informati sul sito del ministero dell’istruzione e fallo presente ai tuoi docenti, che sicuramente sapranno come muoversi in merito. Se non c’hanno fatto caso loro, #FacceCaso tu.

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0