Tempo di lettura: 3 Minuti

Corea del Sud e Università di Siena, ecco l’accordo

Corea del Sud e Università di Siena, ecco l’accordo

Si tratterà di un master in sanitaria che coinvolgerà tutti i laureati del settore. La Corea del Sud non è mai stata così vicina all' Italia, questo

Bremerstraße 23: cronache di un Erasmus a Kiel – L’intervista
Per la prima volta l’Italia vince un oro alle Olimpiadi internazionali di Biologia!
Classifica Reuters delle Università più innovative. L’Italia non è nella top 100

Si tratterà di un master in sanitaria che coinvolgerà tutti i laureati del settore.

La Corea del Sud non è mai stata così vicina all’ Italia, questo grazie ai rapporti istituzionali/economici che si sono venuti a creare nell’ultimo decennio.

Il nostro Paese con 9,5 miliardi si è confermato, a termine dello scorso anno, il terzo partner commerciale europeo in termini di export.

Oggi però non parleremo di economia , ma di istruzione, perché l’Università di Siena attiverà un master sanitario in collaborazione con l’ateneo coreano Incheon National University.

“Public Health, Pharmaceutical Biotechnology and Clinical Development” è il nome del Master, con lezioni che si terranno sia nel laboratorio di Santa Chiara (Siena) e sia in Corea.

Questo accordo probabilmente migliorerà in Asia il sistema del già rodato master in “Vaccinology”, e arricchirà la già avanzata ricerca sanitaria in Italia.

L’Institute for Global Health, sito nel laboratorio di Santa Chiara darà vita a progetti strategici del settore. Il master sarà aperto a

  • laureati in biologia
  • scienze della vita
  • medicina e aree di competenza medica
  • chi ha una laurea in salute pubblica, biotecnologia e sviluppo, provenienti dalla Corea del Sud e da tutti i Paesi del mondo.

L’università di Siena ha voluto siglare questo accordo proprio perché gli studi della Incheon University nei campi della sanità pubblica e della biomedicina sono molto avanzati.

Insieme ai due atenei ci saranno numerose partecipazioni di industrie biotecnologiche / farmaceutiche coreane e internazionali.

Questo è un rilevante punto di partenza per far sviluppare a livello internazionale la ricerca sanitaria ed evitare che determinate scoperte rimangano chiuse dentro i confini nazionali.

#FacceCaso

Di Gianmarco Saulli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0