Tempo di lettura: 2 Minuti

Summer School in geotermia: Pisa abbraccia l’Africa

Summer School in geotermia: Pisa abbraccia l’Africa

All’Università degli Studi di Pisa è partito un progetto che coinvolge 15 ragazzi provenienti dall’Africa. Il progetto in questione è una Summer Scho

Dalle tenebre alla luce: in Kenya oggi riapre l’università di Garissa
Il Politecnico di Torino intensifica i rapporti e la cooperazione con l’Africa
Sapienza: appuntamenti da lunedì 11 a domenica 17 febbraio

All’Università degli Studi di Pisa è partito un progetto che coinvolge 15 ragazzi provenienti dall’Africa.

Il progetto in questione è una Summer School dedicata alla geotermia, una branca delle scienze della terra dedicata allo studio dei fenomeni della natura che riguardano la produzione ed il trasferimento del calore che proviene dalla terra. Gli studenti che vi parteciperanno sono quindici e provengono da sette paesi dell’Africa Sub-Sahariana: Comore, Etiopia, Gibuti, Kenia, Malawi, Tanzania e Uganda.

Il progetto impiegherà le prossime tre settimane e terminerà il 14 luglio. Il dipartimento che ospiterà la Summer School sarà chiaramente quello di Scienze della terra. La cerimonia di apertura presso la sala Mappamondi del rettorato, alla presenza del rettore Paolo Mancarella, ha riscosso un bel successo tra i ragazzi.

Vi erano anche molte altre personalità del mondo accademico-politico fra le quali possiamo ricordare il professor Francesco Marcelloni, delegato per l’internazionalizzazione, il dottor Giovanni Baticci, facente parte della direzione generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero Affari Esteri ed il professore Sergio Rocchi, il quale dirige il dipartimento adibito allo svolgimento della Summer School. Il progetto è stato finanziato da più enti:

  • il Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale,
  • l’Università di Pisa
  • l’Agenzia Italiana Cooperazione e Sviluppo.

Nel raccontare questa bella iniziativa cogliamo l’occasione per fare un in bocca al lupo a tutti i ragazzi che prenderanno parte a questa esperienza formativa!

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0