Tempo di lettura: 1 Minuti

“ Top Sport ”: l’Università di Trento apre le porte agli sportivi professionisti

“ Top Sport ”: l’Università di Trento apre le porte agli sportivi professionisti

Già da qualche anno l’Università di Trento prevede un programma personalizzato per chi pratica sport professionalmente, consentendogli di portare avan

A Siena il tema dello sport come cambiamento del mondo
La Scuola degli studenti-atleti
Il pugilato è uno sport solo per uomini super palestrati?

Già da qualche anno l’Università di Trento prevede un programma personalizzato per chi pratica sport professionalmente, consentendogli di portare avanti insieme una vera e propria doppia carriera, sportiva ed accademica.

Chi pratica o ha praticato sport in maniera assidua, addirittura a livello agonistico, se non professionale, sa benissimo quanto sia difficile in Italia riuscire a conciliarlo con lo studio.

In Italia, infatti, lo sport molto spesso non viene visto come qualcosa di istruttivo per i ragazzi, come avviene invece, ad esempio, nei college americani dove la pratica sportiva è parte fondamentale del programma di crescita di uno studente.

I ragazzi che praticano sport in Italia sono generalmente costretti a scegliere la carriera sportiva o quella da studenti, o una o l’altra, non essendo quasi mai contemplata la possibilità di un connubio tra le due per chi non vuole rinunciare a nessuna.

Il risultato sono sportivi spesso ignoranti o studenti che non possono praticare lo sport come e quanto vorrebbero.
Come detto tutto questo riguarda la maggior parte delle realtà italiane ma non l’Università di Trento che ha recentemente lanciato “TopSport”, il programma universitario dedicato agli sportivi di professione.

“TopSport”, le cui iscrizioni per l’anno 2017/2018 sono state appena aperte, serve per agevolare lo studio universitario a chi pratica professionalmente lo sport, consentendogli di portare avanti congiuntamente una vera e propria doppia carriera.

“TopSport” è un programma nato nel 2011. Siamo stati i primi in Italia a creare un programma a supporto della carriera integrata sport/studio”, afferma Paolo Bouquet, delegato per lo sport dell’Università di Trento.
Il programma, che mette a disposizione un numero limitato di posti, per i quali si potrà fare domanda entro il 10 agosto alle ore 12, è previsto per tutti i corsi di studio e consente di conciliare l’attività didattica e gli esami con gare ed allenamenti sportivi.

Sono già diversi i campioni e le campionesse che hanno deciso di abbracciare il programma “TopSport”, tra questi Nadya Ochner (nella nazionale di snowboard, atleta alle Olimpiadi di Sochi nel 2014), Ruggero Tita (velista, presente alle Olimpiadi di Rio 2016) e Riccardo Tonetti (sci alpino).

Finalmente una ventata di cambiamento (positivo) anche nell’università italiana che, forse, sta cominciando a comprendere cosa vuol dire veramente formare una persona fino a farla diventare un professionista completo.

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0