Tempo di lettura: 1 Minuti

Befana 2.0? Ci sta e vuole volare alto… digitalmente parlando!

Befana 2.0? Ci sta e vuole volare alto… digitalmente parlando!

La Befana è costretta a prendersi un anno sabatico causa Covid-19: ma nel frattempo decide di volare da noi sulla sua scopa digitale. Vediamo come! Q

Studente universitario non temere, ci pensa la Befana a farti tornare bambino
In Irlanda una scuola assegna compiti di gentilezza
Befana? Ecco cosa fare a Roma

La Befana è costretta a prendersi un anno sabatico causa Covid-19: ma nel frattempo decide di volare da noi sulla sua scopa digitale. Vediamo come!

Quest’anno grande pausa per la Befana che, di norma, nell’Epifania tutte le feste si portava via… Ma a questo giro il Covid-19 ha giocato d’anticipo, e di brutto! Allora via libera ai festeggiamenti da remoto tra visite guidate online e laboratori in diretta streaming.

Come da decreto, anche per il 6 gennaio non c’è stata nessuna eccezione: niente feste fisiche (!). In compenso, si trovano soluzioni alternative accompagnate da eventi altrettanto alternativi, come nel caso del giocoquiz della Befana online incentivato dal Museo del Patrimonio Industriale di Bologna.

Edizione digitale anche nelle Marche, con precisione nella città di Urbania, che nel 2021 si vede strappare dalla pandemia l’evento di Festa Nazionale della Befana: tra concerti e spettacoli, 4000 calze venivano appese ogni anno nel centro storico, luogo della dimora ufficiale dell’instancabile vecchietta, da sempre attrazione per i visitatori da tutto il mondo.

E quest’anno? Non si rinuncia all’home tour virtuale! Così la Befana tradizionalmente intesa si è vista portare via la sua festa, ma nella sua versione 2.0 è riuscita a lasciare intatto il suo fascino: pur non festeggiando, la consueta usanza della calza punta i piedi con tutte le sue forze.

L’anno scorso, l’acquisto delle tradizionali calze strabordanti di dolci toccava in media una spesa di 68 euro per ogni famiglia italiana, con una spesa complessiva di due miliardi. Complice il “Bonus Befana” proposto dalla Legge di Bilancio 2020 inserita nella strategia della tracciabilità contro la lotta all’evasione fiscale.

Oggi, con l’inevitabile calo (pari al 25%) sullo sfondo dell’attuale crisi economica, nonostante tutto, l’Epifania riesce a confermarsi come maggiore festività per gli acquisti.

Con il fatturato delle aziende italiane produttrici di dolci in aumento, non stupisce vedere l’entusiasmo dell’homemade tipico di questo momento storico fare si che “almeno una calza di dolci su quattro sia prodotta in famiglia”, come viene riportato dall’Adnkronos: “Un’autarchia determinata non solo dalla spending review, ma anche dalla maggiore disponibilità di tempo”.

Lo stesso tempo che ci assegna di diritto il “Bonus No-carbone” per il prossimo anno!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0