Tempo di lettura: 3 Minuti

Bike sharing, a Milano arrivano 12mila nuove biciclette

Bike sharing, a Milano arrivano 12mila nuove biciclette

La novità del bike sharing annunciata dal sindaco Sala partirà a Ottobre. La notizia di oggi rende ulteriormente lustro ad una città sempre più ecolo

Bologna, accolto il ricorso di insegnanti al Tar: niente più benedizioni in classe
L’ ex dirigente Facebook che ha fatto mea culpa
Le Università italiane danno lavoro ma (quasi sempre) “a gratis”

La novità del bike sharing annunciata dal sindaco Sala partirà a Ottobre.

La notizia di oggi rende ulteriormente lustro ad una città sempre più ecologica e innovativa. Sbarca nel capoluogo lombardo a partire da Ottobre, infatti, la nuova frontiera del bike sharing sul modello cinese.

Si tratta del nuovo servizio di bike sharing a flusso libero, Mobike, un sistema totalmente automatizzato che consentirà all’utente di visualizzare le bici disponibili (dotate di gps), prenotarle, sbloccarle a inizio utilizzo e  bloccarle al termine.

Ma come funziona esattamente? L’utente scarica l’applicazione gratuitamente dallo Store. Crea l’account utilizzando il numero di cellulare a cui arriverà il codice di verifica da inserire per pagare il debito cauzionale.

Consultata la mappa, una volta individuato il mezzo, è sufficiente cliccare il pulsante sblocca sulla “app” e scansionando il qr code vicino al manubrio della bici il lucchetto si apre automaticamente .

Una volta giunti a destinazione, è possibile lasciare la bicicletta nelle zone segnalate. Per il periodo di lancio sono previste tariffe promozionali: per 30 minuti il costo è di 30 centesimi; il deposito di 1 euro.

Fondata nel 2016 da Hu Weiwei e Davis Wang, Mobike,  è diventata in poco tempo la prima e più grande azienda smart- bike sharing a livello mondiale. Un modello intelligente dove la tecnologia è al servizio di uno scopo utile: combattere lo smog e migliorare la qualità di vita dei cittadini.

Le bici sono frutto di un design innovativo, sono realizzate in alluminio e dotate di cestino e sellino in pelle regolabile. L’utente sempre tramite l’app, può segnalare anche eventuali guasti e malfunzionamenti.

Milano da tempo, ha scelto di investire sulle due ruote e non vuole fermarsi . Le parole del sindaco Sala lo sottolineano.

” Sono certo che nella nostra città ci sia lo spazio per un servizio a flusso libero. Ad oggi il servizio esistente, il nostro Bikemi, vede 60mila abbonati l’anno. In aprile si è toccato il record giornaliero dei prelievi: sono stati quasi 24mila”.

La flotta sarà implementa da Ottobre con 12 mila nuove biciclette.

L’obiettivo dell’ amministrazione cittadina è ridurre il numeo delle auto affermarsi sempre di più come modello di città sostenibile.

#FacceCaso.

Di Luca Pennacchia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0