Tempo di lettura: 2 Minuti

I giovani cervelli in fuga che scappano costano allo stato circa 14 Miliardi, ma non è colpa loro

I giovani cervelli in fuga che scappano costano allo stato circa 14 Miliardi, ma non è colpa loro

Un investimento non ripagato dai cervelli in fuga quello dello stato italiano, le previsioni spaventano. Ancora una volta i dati non sono dalla nostr

Brno eccellenza universitaria: l’esperienza di uno studente Erasmus
Regole acchiappa-talenti: arrivano in Italia dall’UE
King Abdullah University: dove i cervelli in fuga trovano riparo

Un investimento non ripagato dai cervelli in fuga quello dello stato italiano, le previsioni spaventano.

Ancora una volta i dati non sono dalla nostra parte, specialmente per i cervelli in fuga, la burocrazia pesa sul sistema della pubblica amministrazione che non ne vuole sapere di essere riformata e i numeri non mentono. Circa 22 Miliardi l’anno sono le cifre che gravano sulle piccole imprese per mantenere i cosi dell’amministrazione.

Tutto questo si riflette sulle cose di tutti i giorni, come i vari rallentamenti negli uffici o i malfunzionamenti perché con la riforma della P.A. molti impiegati ritengono che i nuovi metodi siano più difficili da utilizzare rispetto ai precedenti. Il Csc (Centro studi Confindustria) pone l’accento su un’altra problematica, quella della poca occupazione.
Tutti i ragazzi che si trovano a dover andare all’estero, i cervelli in fuga, appunto, per continuare a studiare o per trovare un lavoro, costano allo stato circa 14 miliardi di euro, quasi un punto percentuale del PIL annuale.

La metà degli emigrati, circa 500.000 persone in totale, è composta da ragazzi tra i 15 e i 39 anni e rappresenterebbero una risorsa fondamentale futura o presente del nostro paese.

Non perdiamo solo l’investimento in capitale umano che non viene reimpiegato in Italia ma anche una buona dose di forza lavoro, basti pensare che tra il 2008 e il 2015 gli emigrati under 40 sono aumentati di circa 30 punti percentuali, dal 21% al 51%.

Si aspettano le novità della legge di Bilancio in cui si prevede un abbassamento del PIL dello 0,2% e anche le manovre della Banca Centrale Europea creano un certo spavento.

Come al solito, #malemale

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0