Tempo di lettura: 2 Minuti

Nuova scuola antisismica ad Arquata del Tronto grazie ai lettori de “La Stampa”

Nuova scuola antisismica ad Arquata del Tronto grazie ai lettori de “La Stampa”

Grazie ai fondi raccolti dalla fondazione “La Stampa-Specchio dei tempi”, ad Arquata del Tronto è stata ricostruita la scuola che era stata distrutta

Contenuti light e no fake, il nuovo Facebook
Digitalizzazione delle scuole: SELFIE è il nuovo strumento dell’UE
Smeriglio x i giovany al Liceo Einaudi!

Grazie ai fondi raccolti dalla fondazione “La Stampa-Specchio dei tempi”, ad Arquata del Tronto è stata ricostruita la scuola che era stata distrutta nel sisma del Centro Italia.

Arquata del Tronto ha di nuovo una sua scuola, finalmente!

Dopo il sisma che il 24 agosto del 2016 aveva colpito il centro Italia, radendo al suolo anche il piccolo paesino di Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, facendo decine e decine di vittime, sembrava che la vita lì non sarebbe più tornata alla normalità.

Invece anche i pronostici peggiori sono stati infatti smentiti: a poco più di un anno da quel tragico 24 agosto è stata riaperta la scuola del paese, una scuola interamente nuova che potrà ospitare fino a 150 studenti.

La realizzazione dell’opera è stata possibile grazie al fondamentale contributo di ben 13.968 lettori del quotidiano “La Stampa” che hanno risposto positivamente alla raccolta fondi lanciata dalla Fondazione La Stampa – Specchio dei Tempi.

In poco tempo sono stati infatti raggiunti i 2 milioni e 600 mila Euro necessari per la costruzione della nuova scuola, terminata in soli 120 giorni.

La scuola, tecnologica e antisismica, è stata inaugurata pochi giorni fa alla presenza della sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, la commissaria al sisma Paola De Micheli, il governatore della Regione Marche, Luca Ceriscioli e tanti genitori che potranno riportare i loro figli regolarmente a scuola.

“Lo Stato c’è, così come ci sono tanti italiani che hanno gareggiato in solidarietà. Certo dobbiamo fare di più, meglio e soprattutto andare in maniera più veloce, ma ora ci sono tutte le condizioni per poterlo fare”
– ha affermato la Boschi.

La nuova scuola, che come tutte le strutture scolastiche rappresenta un luogo fondamentale per un centro abitato e un segno di rinascita, di ripartenza per un paese come Arquata che è stato colpito dal sisma, potrà ospitare alunni provenienti anche dalle zone vicine, anche esse pesantemente compromesse dal terremoto del 24 agosto 2016.

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0