Tempo di lettura: 2 Minuti

Il Liceo classico Allende ha pochi iscritti: niente quarta ginnasio

Il Liceo classico Allende ha pochi iscritti: niente quarta ginnasio

“Io credo molto in questo liceo di periferia. L’ho scelto e ho deciso di restarci. Vengo dal Berchet, ho insegnato in università, è stata una sfida".

Che speranze hanno i nostri coetanei Liguri riguardo il futuro ?
Sicurezza nelle scuole: stanziato un miliardo contro i terremoti
LUMSA DIGITAL HUB: l’incubatore siciliano dedicato al cibo

“Io credo molto in questo liceo di periferia. L’ho scelto e ho deciso di restarci. Vengo dal Berchet, ho insegnato in università, è stata una sfida”. #FacceCaso.

Il Liceo Classico dell’Allende di Milano non ha raggiunto il numero minimo di iscritti per formare una classe.

Delusi studenti, insegnanti e genitori, hanno dato inizio ad una vera e propria mobilitazione. Fra loro c’è Roberto Viganò, vincitore del Certamen Nazionale di greco “Agon Politikos” classificatosi primo su 103 studenti provenienti da tutti i licei classici di Italia.

“Io credo molto in questo liceo di periferia. L’ho scelto e ho deciso di restarci. Vengo dal Berchet, ho insegnato in università, è stata una sfida: sono convinta del buon lavoro che si fa qui, con gli studenti e tra i docenti. La qualità è davvero alta e lo dimostrano i risultati, abbiamo avuto anche un Premio Campiello, studenti che continuano a pubblicare libri. È un peccato veramente perdere risorse e progetti”. Sottolinea la professoressa di Greco e Latino, Silvia Mollo, all’Allende dal 2007.

La scuola è un vero e proprio faro sul quartiere Stadera. “Ho scelto il nostro liceo di periferia anche per restare nell’ambiente dove sono cresciuta. Quando abbiamo saputo che non sarebbe stata aperta la prima siamo rimasti molto amareggiati, ci stiamo dando da fare ancora di più per farlo conoscere”. Ricorda Margherita.

“Mi sono diplomato a luglio. Penso che questi cinque anni mi abbiano formato dal punto di vista scolastico ma anche umano e relazionale. Quando ho scelto l’università ero indeciso fra Giurisprudenza e Fisica perché abbiamo avuto l’occasione di studiare in modo approfondito anche le materie scientifiche”. Ha ricordato Giovanni l’ex-alunno Giovanni.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0