Carriera sportiva e carriera scolastica: possono andare d’accordo?

Carriera sportiva e carriera scolastica: possono andare d’accordo?

Cosa ne pensiamo della possibilità di affiancare una buona carriera scolastica alla carriera sportiva agnonistica.   Una carriera sportiva pa

Tutti i misteri sulla nascita di Telegram
L’Università La Sapienza di Roma offre assistenza sanitaria ai propri studenti
Maturità 2017, entriamo nel vivo dell’ esame tra errori ed ansia

Cosa ne pensiamo della possibilità di affiancare una buona carriera scolastica alla carriera sportiva agnonistica.

 

Una carriera sportiva parallela a quella scolastica è qualcosa difficile da mantenere. Lo diventa sempre di più quando la carriera sportiva si fa più brillante e le gare o le partite si susseguono una dopo l’altra.

Molto spesso la soluzione è quella delle scuole paritarie che permettono di studiare senza frequentare e di fare l’esame a fine anno con il supporto di professori. Un esempio è la TTS di Aosta, un network di “scuole per atleti” che garantisce ai ragazzi sia la flessibilità degli orari sia la possibilità di raggiungere la maturità come gli altri ragazzi.

Bene, c’è un’iniziativa del Coni e del MIUR, nell’ambito de “La Buona Scuola” che mira a formare docenti che possano coprire qualsiasi problema dei propri studenti-atleti. E che possano in qualche modo facilitare la vita di questi ragazzi, che sacrificano moltissimo in onore della propria carriera. Per adesso i ragazzi che sono stati coinvolti sono 450 e il progetto sembra andare a gonfie vele. Il sottosegretario all’istruzione ha sottolineato l’importanza di tutto questo soprattutto insieme al tasso di abbandono, che negli studenti-atleti è molto più alto di quanto si pensi.

I corsi del progetto del Coni si sono appena svolti e riprenderanno anche durante il 2018 per permettere a più docenti di essere “compatibili” con le esigenze dei ragazzi-atleti. I corsi variano dalla costruzione del curriculum sportivo all’integrazione dell’insegnamento a distanza con le tecniche più innovative per l’istruzione di chi vuole continuare la carriera sportiva.

I ragazzi che possono partecipare ed usufruire della nuova formazione dei docenti sono moltissimi. Vanno da coloro che preparano le Olimpiadi di Tokyo 2020 a coloro che fanno parte delle serie più importanti, dalla A/A1 alla C o chi compone la squadra nazionale. 

 

#Bellastoria insomma.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0