Tempo di lettura: 1 Minuti

Emendamento del PD per far tornare da soli i ragazzi a casa da scuola

Emendamento del PD per far tornare da soli i ragazzi a casa da scuola

Nella commissione Bilancio del Senato è stato dato il via all’iter di un emendamento a firma Marcucci e Puglisi che tenta di risolvere il recente polv

Allarme insegnanti e dirigenti
Roma Web Fest 2017 chiude in bellezza: il format è stato un successone
Correre verso un oceano meno inquinato, ecco come

Nella commissione Bilancio del Senato è stato dato il via all’iter di un emendamento a firma Marcucci e Puglisi che tenta di risolvere il recente polverone che si era alzato sull’argomento.

Qualche settimana fa il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli aveva fatto molto discutere su questo. Aveva “notato” che secondo il regolamento i ragazzi sotto i 14 anni avrebbero dovuto essere accompagnati da una supervisione ad un altra. Nell’ordinamento italiano, infatti, i ragazzi sono più oggetti che persone. Oggetti che hanno bisogno di una costante supervisione. E allora via con un nuovo emendamento…

Così da quella del professore in classe, devono essere accompagnati a quella dell’autista dell’autobus. Egli è quindi responsabile delle sorti di tutti gli under 14 presenti, fino al passaggio a quella finale del genitore a casa. Se chi ha la supervisione di un ragazzo non lo guida verso la prossima persona, monitorando il passaggio di responsabilità, e succede qualcosa, passa dei guai.

È il caso sfortunato di un preside che il Maggio scorso è stato condannato perché un alunno della sua scuola 15 anni fa, uscito dal cancello, era stato investito da un autobus. Il preside, secondo la Cassazione, ne era ancora responsabile ed ha dovuto quindi pagare per questo.

Per lo stesso ragionamento ogni autista di autobus dovrebbe chiedere se ci sono quattordicenni sul veicolo, e alla fermata scendere ed accompagnarli a casa.

La sentenza della Cassazione ha spaventato tutti i presidi. Che quindi hanno diffuso una circolare in cui pregavano che i figli fossero presi da un genitore o da un parente all’uscita. Il ministro Fedeli, interrogato sulla faccenda, ha detto che “la legge è questa e va rispettata. Se non può il genitore che vadano i nonni”.

Matteo Renzi, dello stesso partito ma in piena campagna elettorale, non ha esitato un attimo a contraddirla ed ha promesso un emendamento. Emendamento che arriva oggi e che presto sarà discusso, si spera prima della fine della legislatura.

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0