Tempo di lettura: 3 Minuti

Best Nine Instagram spostati, noi abbiamo lo School Best Nine

Best Nine Instagram spostati, noi abbiamo lo School Best Nine

Ripercorriamo il 2018 delle scuole rivivendo le notizie più importanti dell'anno solare attraverso il Best Nine di FacceCaso: la School Best Nine. Or

Roma, suicidio a scuola: storia di una tragedia senza senso
Ivrea: bullismo su un dodicenne fa partire denuncia
Violenza sugli insegnanti, il troppo stroppia

Ripercorriamo il 2018 delle scuole rivivendo le notizie più importanti dell’anno solare attraverso il Best Nine di FacceCaso: la School Best Nine.

Ormai ci siamo, anche il 2018 sta per andare in archivio. Come ogni anno Instagram darà ai propri utenti la possibilità di rivivere i 365 giorni appena trascorsi tramite un collage delle loro nove foto più popolari dell’anno, il cosiddetto Best Nine Instagram.

Noi di FacceCaso, prendendo spunto da quello ideato dal social network di proprietà di Facebook, abbiamo deciso di fare il nostro Best Nine, lo School Best Nine. Attraverso di esso ripercorreremo i momenti che hanno segnato in maniera indelebile il 2018 delle scuole italiane.

Un 2018 che ha avuto per protagonista una generazione ben precisa: i cosiddetti Post-Millennials. A partire da settembre, infatti, le aule italiane sono popolate esclusivamente da “Duemila” (ripetenti esclusi). E nel conquistare la scuola i Post-Millennials hanno portato con sé la anche la tecnologia.

D’altronde il 2018 è stato l’anno dello scontro generazionale tra coloro che invocavano a gran voce l’impiego degli smartphone in classe e coloro che invece si sono inventati i draghi per contrastarne l’utilizzo. Ma è stato anche l’anno dei vaccini, che a partire da marzo sono diventati obbligatori per gli studenti di tutta la penisola, e purtroppo soprattutto dei bulli.

Nel 2018, infatti, si sono verificati una miriade di episodi di bullismo, alcuni dei quali hanno colpito persino professori e presidi. E a proposito di presidi, il 2018 non ha risparmiato nemmeno loro ma alla fine gli ha regalato un nuovo contratto, con un aumento mensile medio di circa 159 euro.

Tra gli altri episodi degni di nota annoveriamo poi: il maltempo che ha colpito la penisola negli ultimi giorni di ottobre, costringendo molti istituti ad una chiusura forzata; i vari casi di droga nelle scuole e il dibattito sul pranzo da casa che ha messo in ginocchio diverse mense scolastiche.

Chiudiamo infine con il lascito di Valeria Fedeli che, prima di cedere il Ministero dell’Istruzione al suo successore Marco Bussetti, ha introdotto, sull’ondata del celebre movimento #MeToo, un nuovo linguaggio allo scopo di aumentare le pari opportunità a scuola. Questo era il nostro School Best Nine; buon anno a tutti e, anche nel 2019, FacceCaso!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0