Tempo di lettura: 3 Minuti

National Geographic Society premia Irene Cardinali

National Geographic Society premia Irene Cardinali

Irene ha vinto un premio di 4980 Dollari da utilizzare per la realizzazione del primo studio sulla variabilità genetica che caratterizza il popolo Mon

I Social sono (anche) una cosa seria: vero permier Conte?
Le radiazioni nucleari spiegate al mio compagno di banco
Fake News elettorali: interviene Facebook

Irene ha vinto un premio di 4980 Dollari da utilizzare per la realizzazione del primo studio sulla variabilità genetica che caratterizza il popolo Mongolo. #FacceCaso.

Hai mai sentito parlare di Irene Cardinali? Te la presento io. Dottoranda in Biotecnologie dell’Università degli Studi di Perugia, è destinataria di un Premio del National Geographic Society, una delle più prestigiose istituzioni scientifiche ed educative no profit al mondo.

Irene ha vinto un premio di 4980 Dollari da utilizzare per la realizzazione del primo studio sulla variabilità genetica che caratterizza il popolo Mongolo.

La giovane premessa della genetica, svolgerà la ricerca insieme alla dottoressa Hovirag Lancioni, responsabile del Laboratorio di Genetica di Popolazione ed Evoluzione Molecolare del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie dell’Università di Perugia. Verrà coinvolto anche il professore Alfredo Savino, docente di Italiano all’Università Nazionale di Ulan Bator, Capitale della Mongolia.

Complimenti Irene!

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0