Sacchetti bio, chiariamoci

Sacchetti bio, chiariamoci

Tutto ciò che c’è da sapere sul pagamento dei sacchetti biodegradabili ultraleggeri. Eh si, qualcosa ha fatto più scalpore dell’introduzione delle sp

GoFundMe: 5 ragazzi raccolgono 2 milioni di dollari in 10 giorni per sfamare il Corno d’Africa
La scuola di musica Dedalo, buone nuove in quel di Novara
Ricordare per fare giustizia

Tutto ciò che c’è da sapere sul pagamento dei sacchetti biodegradabili ultraleggeri.

Eh si, qualcosa ha fatto più scalpore dell’introduzione delle spunte blu su whatsapp, l’obbligo di pagare i sacchetti per frutta e verdura, carne e pesce ogni qualvolta si utilizzino in QUALUNQUE supermercato o ipermercato perché biodegradabili. Da questa legge sono esclusi tutti quei sacchetti che non vengono coinvolti nella pesatura: ad esempio i sacchetti della farmacia ormai da anni bio. 

Il costo dei sacchetti biodegradabili ultraleggeri si aggirerebbe dagli 1 ai 5 centesimi ma nella legge entrata in vigore col nuovo anno non viene specificato nessun prezzo massimo.

Secondo una media questa spesa porterebbe ad una supplemento annuo, per una famiglia, che va dai 4,17 ai 12,51 mentre nel caso in cui un venditore non faccia pagare i sacchetti ai suoi clienti la multa va dai 2.500 fino ai 25.000 €, alla fine quei 0,02 centesimi non sono tanti. 

Come si suol dire “Fatta la legge, fatto l’inganno” molti consumatori non hanno esitato a mettere l’etichetta della pesatura direttamente sul frutto senza impiegare un sacchetto ma forse qualcuno ci aveva già pensato prima: che si utilizzi o no automaticamente comprando qualcosa che richiede pesatura incorriamo nella spesa del sacchetto, è per questo molti accusano lo stato di aver introdotto una tassa occulta.

Il punto della legge che mette d’accordo tutti i consumatori è quello che permette di portare al supermercato sacchetti monouso (per motivi igienici) da casa, idonei per uso alimentare.

Un altro dubbio sorge a causa della scarsa biodegradabilità delle bioplastiche alle quali sarebbe di gran lunga preferibile l’impiego della carta ma sconveniente per i cassieri che non potrebbero vedere il contenuto della busta non essendo trasparente. 

Insomma quando vai a comprare le mele, #FacceCaso. 

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar
    Arianna 3 settimane

    Brillante.
    x

  • DISQUS: 0