Tempo di lettura: 2 Minuti

A scuola si potrà diventare tecnici della moda!

A scuola si potrà diventare tecnici della moda!

La Regione Campania ha deciso di creare percorsi formativi per tutti gli interessati a fregiarsi del titolo di tecnici della moda. La moda è universa

A Udine nascono i corsi di tecnica specializzati per aziende: Tecnica edilizia il primo
Corso su social network d’impresa a Bologna
Trovare lavoro online? Da oggi è più facile grazie alla Digital Recruiting Week

La Regione Campania ha deciso di creare percorsi formativi per tutti gli interessati a fregiarsi del titolo di tecnici della moda.

La moda è universalmente riconosciuta come uno dei pilastri del Made in Italy. Un marchio famoso e apprezzato in tutto il mondo, sinonimo di alta qualità e stile. Lavorare in questo settore è il sogno di molti giovani, affascinati da allestire sfilate oppure realizzare abiti o collezioni originali. Un settore che non conosce crisi ed è in ogni momento alla ricerca di figure professionali, dei tecnici della moda.

Tuttavia, uno dei paradossi nel campo della moda, è la difficoltà da parte delle aziende a trovare chi si occupa del lavoro manuale. La manualità, da tanti ragazzi che vogliono lavorare in questo ambito, viene considerata di serie b. Con i più famosi brand italiani che faticano a rintracciare il modellista oppure chi si occupa di realizzare il prototipo. In questo quadro la Campania prova a invertire la tendenza. La regione, infatti, attraverso la fondazione its moda Campania mira a formare, appunto, tecnici della moda.

Il programma prevede la creazione di sei Its: due per la moda e altrettanti per i settori dell’ambiente e dell’energia. L’ obiettivo, è di dotare i diplomati di competenze che possano aiutarli a trovare lavoro in poco tempo. E per fare ciò, è fondamentale dialogare con le imprese.

“I nuovi istituti tecnici superiori commenta Palmieri, presidente della neonata Fondazione finalmente portano le imprese nelle scuole. Le aziende propongono i profili da formare, salgono in cattedra. Lo scopo è, al termine del biennio, immettere nel luogo di lavoro giovani pronti e operativi.”

La Fondazione che conta il trenta soci fondatori, tra cui la Camera di commercio di Napoli, punta ampliare il numero degli iscritti. E in questa ottica le maggiori aziende campane hanno manifestato interesse ad aderire all’iniziativa della regione.

Intanto il comitato tecnico scientifico sta predisponendo il bando e definendo le modalità per selezionare i giovani con diploma di scuola media che vogliono candidarsi ai primi corsi. Al termine dei quali, gli studenti, sostenuto un esame, potranno diventare tecnici della moda.

#Faccecaso

Di Luca Pennachia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0