Tempo di lettura: 2 Minuti

Vende la propria verginità per pagarsi gli studi a Cambridge

Vende la propria verginità per pagarsi gli studi a Cambridge

Una ragazza italiana appena maggiorenne ha offerto la propria verginità per poter frequentare l'Università di Cambridge ed aiutare i genitori. Il fine

In Sicilia un ragazzo su quattro non va a scuola
Streaming video bloccati all’università
Facoltà di Giurisprudenza in Toscana: Firenze, Pisa o Siena?

Una ragazza italiana appena maggiorenne ha offerto la propria verginità per poter frequentare l’Università di Cambridge ed aiutare i genitori. Il fine giustifica i mezzi?

Si sa, le università inglesi costano molto, tanto che le famiglie spesso iniziano a mettere soldi da parte molto tempo prima. Molti dei ragazzi che le frequentano lavorano per potersele permettere. Altri scelgono la strada dell’indebitamento da estinguere non appena si inizia a lavorare.
E poi c’è anche chi è disposto a vendere la propria verginità pur di andare a Cambridge e studiare business.

Si tratta di una ragazza italiana che ha deciso di mettere in vendita online la propria verginità per pagarsi gli studi. Della ragazza in questione, che vuole rimanere anonima, sappiamo solo che ha 18 anni e fa la modella.

Ho deciso che la mia verginità era preziosa quando avevo 16 anni. Volevo una buona istruzione quindi ho cominciato a guardare il web in cerca di modi per finanziare i miei studi e ho trovato una serie di pubblicità di aste e scoperto che c’erano ragazze che si erano vendute per 3,5 milioni di Euro. Quindi ho deciso che avrei fatto lo stesso a 18 anni. Spero di prendere il più possibile per finanziare i miei studi, aiutare mia sorella e la mia famiglia e comprare una casa ai miei genitori” – riporta il The Sun.

Secondo quanto riporta il giornale britannico per Nicole, così si fa chiamare la ragazza, e la sua verginità ci sarebbero già diverse offerte tra cui una che ammonta ad 1 milione di Euro.

Che si possa tentare qualsiasi strada per raggiungere i propri obiettivi, soprattutto se questi si chiamano Cambridge, niente da dire. Che si debba vendere il proprio corpo, soprattutto da giovanissimi, con il rischio poi di pentirsene, su questo bisognerebbe riflettere.
Possibile che paesi civili come l’Italia o l’Inghilterra non forniscano altre possibilità o forse vendere la propria verginità non è altro che la strada più semplice e renumerativa?

In fondo è vero, il fine giustifica i mezzi, ma a che costo?

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0