Tempo di lettura: 2 Minuti

Milano, il Consiglio di Stato ha preso una decisione importante

Milano, il Consiglio di Stato ha preso una decisione importante

Il Consiglio di Stato ha bocciato la richiesta, risalente al 2014, del PoliMi di creare corsi di laurea in solo lingua inglese. Una risposta in contro

Colloqui su Skype? Al Liceo Classico B. Telesio di Cosenza si può
Immuni, l’app contro la diffusione del coronavirus tra prevenzione e privacy
Docenti italiani tra i meno rispettati al mondo

Il Consiglio di Stato ha bocciato la richiesta, risalente al 2014, del PoliMi di creare corsi di laurea in solo lingua inglese. Una risposta in controtendenza…

La decisione del Consiglio di Stato non è piaciuta molti, anche perché rema in direzione opposta alla tendenza accademica. Lì dove si punta a rafforzare i corsi in lingua inglese, i “nostri” ne hanno bocciato una proposta.

Si tratta di quella del Politecnico di Milano, risalente ormai al 2014. Fu una proposta di creare alcuni corsi di laurea solo in inglese. Obbiettivo sia di attirare studenti da tutto il mondo, ma anche di presentare un’offerta molto interessanti a quelli italiani. Abituare a studiare in un’altra lingua in un ambito così tecnico e concorrenziale, una grande idea.

Ma questa idea, nata con la nuova norma contenuta nella legge Gelmini, legge 240, del 2010, non ha avuto esito positivo.
Nonostante prevedesse perfino un piano di formazione per i docenti e un piano di sostegno per gli studenti che avessero voluto intraprendere questa “carriera”, il fine ha seguito direzione contraria.

Il ricorso presentato prima al Tar e poi passato al Consiglio di Stato ha avuto esito positivo per questi ultimi. Essi reputavano la possibilità di un abbassamento del livello complessivo e del piano di difficoltà delle lezioni.

La Consulta l’anno scorso aveva difeso l’iniziativa del Politecnico, ma il Consiglio ha bocciato l’intera proposta. Motivo è che bisogna sostenere la lingua italiana come bene più prezioso, e in definitiva le ragioni dei professori sono state ritenute valide motivazioni.
A noi sembra la perdita di un’ottima opportunità…

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0