Tempo di lettura: 2 Minuti

Nessuno sa più la Geografia in Italia

Nessuno sa più la Geografia in Italia

Roma capitale di che? Boh! Certo, questa è un'esagerazione, ma pensate che moltissimi ragazzi delle scuole di primo e secondo grado non sanno nulla di

Finalmente conversazioni segrete anche su Messenger
In Islanda con me! Come viaggiare senza organizzare/prenotare nulla… Pt.1
Instagram lancia la funzione “Reels” in Brasile per fare diretta concorrenza a TikTok

Roma capitale di che? Boh! Certo, questa è un’esagerazione, ma pensate che moltissimi ragazzi delle scuole di primo e secondo grado non sanno nulla di geografia. Londra, Parigi, Berlino? Boh.

Già vi avevamo raccontato della incredibile carenza degli studenti italiani in Geografia. Una materia tanto importante, necessaria alla comprensione di eventi cardine nella storia del nostro paese, eppure tanto vituperata.
Un tempo solo dai ragazzi ma, ormai, anche e sempre più dalle istituzioni. La riforma Gelmini portò le ore a due a settimana negli istituti professionali, con un massimo di tre nei tecnici commerciali e del turismo. Il che è il minimo, verrebbe da dire, in scuole nelle quali si studia per diventare operatori turistici.

Dove è Isernia? Non esiste.

C’è qualcuno, però che il problema lo vede eccome. Diversi insegnanti si sono riuniti in un’associazione dal nome emblematico di “Sos geografia”. “Vorremmo che il ministro ci ascoltasse, chiediamo attenzione da parte dei decisori politici, la geografia ti dà gli occhi per leggere e interpretare il mondo, serve a capire le relazioni che ci sono tra problemi come i cambiamenti climatici e le migrazioni”, sono le parole di Riccardo Canesi, portavoce del gruppo.

L’obiettivo

Così, proprio per questi motivi, la Sos Geografia e l’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia di Toscana e Liguria si riuniranno, dal 22 al 30 marzo, nei “Campionati italiani e interregionali della Geografia. La competizione si rivolge a studenti di scuole di primo e secondo grado e prevede giochi a squadre con ricerca di coordinate e molto altro ancora.

Perché va pure bene non sapere dove è il Brasile, l’Argentina, l’Uruguay, ma poi quando vedi i mondiali e tifi per una nazione che neanche sai dove si trova, a che serve? E passi questo.

Ma se sei un uomo, se sei una donna capace, potente, che sa cosa vuole dalla vita, che ha impressi bene in mente i propri obiettivi per il futuro non puoi. No. Non puoi assolutamente non sapere dove sta il Molise.

Diciamo basta. Troviamo il Molise.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0