L’ università che vogliamo: uniti per la trasparenza

L’ università che vogliamo: uniti per la trasparenza

A Ragusa è nata “L’ università che vogliamo “, un’associazione che cerca di promuovere la trasparenza dei concorsi pubblici. Vediamo di che si tratta.

Tutti i nuovi concorsi per tecnici biomedici ed infermieri: quali e come iscriversi
AAA cercasi laureati all’Università di Torino per un posto di lavoro!!
Piano anticorruzione per gli atenei al via

A Ragusa è nata “L’ università che vogliamo “, un’associazione che cerca di promuovere la trasparenza dei concorsi pubblici. Vediamo di che si tratta.

C’è una piccola associazione che si chiama “L’ università che vogliamo “ ed è nata negli ultimi tempi a Ragusa con un solo intento: la trasparenza. In che senso? Parliamo di concorsi, soprattutto quelli dell’ambito dell’università, dove i dubbi vengono a tanti. La sua attività si basa su quella di informatori e ha stretto un gemellaggio con l’Osservatorio indipendente dei concorsi universitari.

Hanno aderito molte persone, tipo più di cento professori ordinari, ricercatori o precari. Ma anche tramite internet hanno la loro fama, con circa 800 connessioni. A capitanarla c’è Giambattista Scirè, ed è giusto che conosciate un po’ la sua storia. Scirè è un ricercatore che ha ribaltato un concorso secondo cui una cattedra d’insegnamento di storia contemporanea, badate bene di storia si tratta, veniva assegnata ad un architetto. Ah.

Con tutto il bene che vogliamo agli architetti, non ci sembrano le persone più adatte per avere una cattedra di storia contemporanea. Bene, Giambattista Scirè è proprio uno di quelli che ha vinto il ricorso contro il nostro caro architetto. È anche lo stesso fondatore dell’associazione, e volete ridere/piangere? Ha vinto tre ricorsi, ma non ha ancora iniziato ad insegnare. Ah parte due.

La voce di questo ricercatore si è alzata per tutta Italia, arrivando fino a qualche interrogazione parlamentare nel 2011, sette anni dopo siamo ancora allo stesso punto. In realtà non proprio lo stesso, visto che è nata “L’ università che vogliamo “. Tutto questo per evitare che ci siano ancora casi del genere. I ragazzi che hanno aderito hanno anche raccolto più o meno 5700 firme da presentare al Presidente Mattarella. Vediamo come andrà avanti questa storia. Se andrà avanti, lo speriamo per il caro professor Scirè.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 3
  • comment-avatar
  • comment-avatar
    Marco Scarpa 10 mesi

    Ho una storia incredible da raccontare.Riguarda il dipartimento di chimica e di chimica industriale dell’universita’ di Catania.Se volete contattatemi.

  • DISQUS: 0