Tempo di lettura: 3 Minuti

Alla scoperta dell’app Grasshoper

Alla scoperta dell’app Grasshoper

Grasshoper è ideata da Google per imparare giocando a programmare su pc. Scopriamo come funziona e perché è alla portata di tutti. Grasshoper nasce c

Il liceo classico Dante di Firenze ha conservato per quasi un secolo 100 bobine dell’Istituto Luce
Addio (o quasi) a Snack grassi nelle macchinette
Intervista a Caruso, il cantante francese dal cuore italiano

Grasshoper è ideata da Google per imparare giocando a programmare su pc. Scopriamo come funziona e perché è alla portata di tutti.

Grasshoper nasce con un preciso obbiettivo: insegnare a chiunque come si programma su computer. È stato pensato da un gruppo di ingegneri Google, che avevano proprio immaginato il sistema per far imparare ai più piccoli (ma non solo) cosa fosse la programmazione.
Attirare l’attenzione di molti in un’operazione di questo tipo non è facile, per questo i “nerd” improvvisati si dilettano su tutto ciò come se fosse un semplice videogame, sempre che di semplice si possa parlare.

È un’app oltre che un software, il cui linguaggio riprende quello di Javascript, il sistema più famoso in assoluto.
La grafica è accattivante, riuscendo ad attirare senza problemi l’attenzione. Ci sono vari livelli con sessioni interattive da passare, oltre a piccoli esami finali in stile quiz. Una semplicità totale in cui si impartiscono lezioni anche su smartphone e tablet.

Passare così dalle basi della programmazione a variabili e oggetti con funzioni. Tutto è organizzato con schema e criterio, senza lasciare nulla a caso. È toccare tutte le parti della programmazione con mano principiante l’obbiettivo reale assoluto.

Come detto lo sviluppo è partito da dipendenti Google, che hanno preso Grasshoper nell’ambito del programma Area 120, con cui la società incentiva gli utenti a inseguire nuovi progetti informatici.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0