Tempo di lettura: 3 Minuti

Polizza per gli insegnanti? Visti gli ultimi fatti di cronaca servirebbe

Polizza per gli insegnanti? Visti gli ultimi fatti di cronaca servirebbe

Una cosa è certa, il bullismo è un problema, ma alla sua base c’è il mancato rispetto dell’autorità dell’insegnante. Sarà colpa di internet e dalla pr

Teramo: aggressione all’Itis di Giulianova
Iscrizione a scuola, come fare? Il passaggio da un ciclo all’altro online dal 9 Gennaio
iPhone 8, cominciamo coi problemi?

Una cosa è certa, il bullismo è un problema, ma alla sua base c’è il mancato rispetto dell’autorità dell’insegnante. Sarà colpa di internet e dalla presenza ubiquitaria dei cellulari quindi basta generallizzare, è giunto il momento di risolvere il problema. #FacceCaso.

Visti gli ultimi fatti di cronaca, fare l’insegnante sta diventando un lavoro pericoloso. A questo proposito il sindacato “Gilda degli insegnanti” sta valutando di proporre ai propri iscritti una polizza .

“In Francia è già realtà. E il moltiplicarsi in tutta Italia dei casi di aggressione verbale e di tensione ci ha spinto a riflettere sull’idea di una polizza. Stiamo ragionando se proporla. Ma, eventualmente, lo faremo agli iscritti di tutte le province, Brescia compresa”. Spiega Gianluigi Dotti.

Una cosa è certa, il bullismo è un problema, ma alla sua base c’è il mancato rispetto dell’autorità dell’insegnante. Sarà colpa di internet e dalla presenza ubiquitaria dei cellulari quindi basta generallizzare, è giunto il momento di risolvere il problema. 

“Alleanza tra scuola e famiglia. Quando i genitori difendono il figlio nonostante i richiami espliciti dei docenti viene meno il patto educativo”. Spiega ancora Treccani. 

Secondo la rappresentante sindacale genera grosse difficoltà, sia a livello didattico che educativo. “La società iperprotettiva non aiuta”. Sostiene Treccani.

I professori si ritrovano a insegnare in ambienti dove è sempre più difficile farsi ascoltare e mantenere alta la concentrazione degli alunni. Per non parlare della presenza di alunni con problematiche non certificate, per cui non vengono assegnati gli insegnanti di sostegno al loro fianco.

Insomma sono tanti i problemi che ogni giorno i docenti devono affrontare, forse è giunto il momento di cambiare la situazione. 

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0