Vuoi fare il prof? Menomale, la scuola ha bisogno di sostegno

Vuoi fare il prof? Menomale, la scuola ha bisogno di sostegno

Nelle scuole italiane il numero di insegnanti di ruolo specializzati nel sostegno scarseggia e di conseguenza i posti disponibili sono tanti. Come si

Resto al Sud: l’iniziativa che aiuta i giovani imprenditori del Meridione
I giovani disoccupati che non vogliono muoversi da casa
In piazza anche gli studenti

Nelle scuole italiane il numero di insegnanti di ruolo specializzati nel sostegno scarseggia e di conseguenza i posti disponibili sono tanti.

Come sicuramente ricorderete, un paio di mesi fa vi avevamo detto che il numero dei ragazzi affetti da disabilità che si iscrivono a scuola è in aumento. E come sicuramente ricorderete vi avevamo anche detto che gli istituti manifestano qualche difficoltà nel metterli a loro agio.

I problemi sono numerosi e vanno dalle infrastrutture scolastiche carenti alla mancanza di docenti di sostegno. La quota di insegnanti per il sostegno a tempo indeterminato, infatti, attualmente è pari al 62,8% del totale. In altre parole solamente 2 docenti di sostegno su 3 sono di ruolo.

Insomma, stiamo parlando di una media assolutamente preoccupante ma che allo stesso tempo può trasformarsi in un’opportunità di lavoro irrinunciabile per tutti coloro che si specializzeranno in questo campo nei prossimi anni.

Dunque se volete diventare professori e volete trovare un’occupazione immediatamente il nostro consiglio è quello di concentrarvi sul sostegno. Attenzione però, non tutti sono portati per questo “ramo”; ci vuole predisposizione, interesse e anche una buona dose di pazienza.

Se avete queste qualità allora quello dell’insegnante di sostegno potrebbe essere il lavoro che fa al caso vostro. Dunque rimboccatevi le mani, fate esperienza e specializzatevi; e fatelo in fretta perché c’è tanto bisogno di gente preparata che possa svolgere con serietà questa professione.

Specialmente nelle regioni del Nord-Ovest dell’Italia, dove la percentuale di posti di sostegno è ferma al 14,1% (è la più bassa del Paese). Per quanto riguarda il grado, invece, quelle messe peggio sono le scuole secondarie di II grado, nelle quali la percentuale è appena 12,8%. Dunque affrettatevi, i posti disponibili sono un sacco, dovete solo FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0